Posts by anonimotriste

    Nel momento in cui una persona fa consapevolmente qualcosa che ti fa del male ci sono solo 2 opzioni: o non gliene frega nulla di te, o semplicemente gliene frega più della cosa che fa che del dolore che ti causa facendola.
    In entrambi i casi è lampante che non conti abbastanza.

    Il problema delle passione degli altri è quando noi non ne abbiamo. Se tu avessi delle tue passioni la sua per la bici non ti peserebbe così tanto, ma non avendone vedi in quella passione un torto nei tuoi confronti..
    E' un pò come quando chi non sa con chi uscire prova fastidio per quelli che lo fanno, o chi non ha nessuno con cui festeggiare prova fastidio per chi festeggia..
    Cerca di vedere obiettivamente la sua passione per quello che è, ovvero una valvola di sfogo importante per il suo equilibrio mentale e fisico.. magari accordatevi sugli orari in cui esce, fate in modo che non sia per te una sofferenza..!

    Ho sentito di diverse coppie che fanno così, per me equivale alla fine della relazione e al passaggio a una convivenza amichevole.
    Nel mio caso con mia moglie non facevo sesso da anni, e lei sicuramente pensava che trovassi appagamento altrove ma per lei era importante non sapere. Tant'è che diceva sempre che se mi avesse scoperto mi avrebbe lasciato.
    Occhio non vede, cuore non duole.

    Il tradimento va nascosto sempre e comunque, e anche davanti all'evidenza va negato spudoratamente.
    Smascherarlo non è mai utile a nessuno dei due.

    Ieri sono andato al mare con mia moglie e mia figlia.
    A un certo punto mia moglie trova sul tappetino della macchina una pinzetta per capelli, quando mi chiede "e questa di chi è?", ho risposto con un "sarà tua no?". Si è limitata a dirmi di fare quello che voglio ma di non prenderla per il sedere..

    E' tutto molto relativo.

    Il tradimento puramente fisico spesso aiuta a superare periodi "piatti" nella relazione, dove la passione è poca e magari il sesso non va proprio nel migliore dei modi.
    Io per anni ho tradito in questo modo, e devo dire che tutto sommato quello sfogo puramente fisico mi consentiva di vivere (o meglio sopportare) la relazione per quello che era diventato.
    Che è da capire se la cosa fosse positiva o meno, però di fatto consumare sesso mi consentiva di sopravvivere alla quasi assenza prima, e totale assenza dopo nella coppia.

    Va però anche detto che le assenze all'interno della coppia hanno progressivamente creato un vuoto emotivo che proprio col tradimento sono andato a "colmare" (o a credere di aver colmato), arrivando poi alla consapevolezza che il rapporto fosse sostanzialmente finito.

    Quindi nel mio caso prima il tradire è stato ossigeno nella relazione, dopo ne è stato la causa della conclusione potrei dire.

    In tutto ciò, nessun tradimento è mai stato scoperto da mia moglie (almeno che io sappia).

    Questo mese sono andato 2 volte con delle escort.

    Sabato scorso e oggi.

    Avevo voglia di mettermi alla prova con donne diverse dalla solita, e un pò di "riscattarmi psicologicamente" dato che anche lei va a letto non solo con me.
    Alidlà del nessun senso di riscatto, dato che quello che ho fatto l'ho fatto pagando, trovo questi rapporti di una povertà infinita.
    Fare sesso con una persona che non ti desidera è di una inutilità disarmante.

    Non mi ha creato alcun senso di colpa, e questo mi fa piacere. Ma anche nessuna gratificazione.

    Comunque forse la definizione più corretta è amanti è vero.

    In questo caso la situazione è bizzarra ulteriormente (tolto tutti i vari preamboli tipo il suo lavoro e come ci siamo conosciuti) perchè io rappresento l'adulterio verso una scopamicizia, nel senso che lei con me tradisce qualcuno che non definisce il suo partner bensì un amico speciale a cui non vuole rinunciare.

    Boh..
    Comunque devo assolutamente trovare il modo di vivere questa cosa per quello che è, mi sto veramente facendo del male.

    Ciao, io sono convinta che cambiare aria faccia solo del bene. Staccare un po', aiuta molto, soprattutto in periodi neri.

    Io ti consiglio di fare prima un viaggio, in costa rica dove hai detto tu, vedere come ti trovi, come ti senti... insomma stare lì per un po'. Dopodiché trai le tue conclusioni e pensi se ne vale la pena trasferirsi lì. Anche io faccio il tifo per te :)

    Grazie! <3

    Sono un soggetto a rischio alcolismo.
    Mio padre lo è stato, e nella mia famiglia ci sono stati diversi grandi bevitori.

    Da quando vivo da solo di tanto in tanto mi faccio una bevuta, diciamo 1/3 di bottiglia di whisky.

    L'ultima volta però ho notato, il giorno successivo, che mi ha acutizzato sensibilmente l'ansia.


    Come hanno già scritto gli altri quello da evitare assolutamente è la routine del bere.

    Meglio ubriacarsi una volta a settimana che bere 4 birre ogni giorno.