Fuori posto, fuori tempo...

  • Da anni vivo con la sensazione, ormai certezza, di essere sempre fuori posto. Se qualche piccolo risultato nella vita l'ho raggiunto, è sempre stato per un'improvvisa quanto tardiva botta di c∙∙o e non certo per merito. D'altra parte se i meriti c'entrassero qualcosa non avrei impiegato così tanto tempo per arrivare dove sono arrivata (che poi non sono arrivata neanche chissà dove). Il problema è che sono circondata da chi i meriti ce li ha per davvero e questo mi fa sentire profondamente a disagio. Lavoro in un ambiente STEM, ma la mia laurea non è STEM e questo mi pone in una posizione di netta inferiorità. Lo percepisco da come mi parlano, da come si atteggiano...insomma, da tante piccole cose di cui forse neanche loro sono pienamente consapevoli. Si sentono superiori e in un modo o nell'altro te lo fanno capire. Io ci casco e ne soffro. Nel disperato tentativo di raggiungerli mi sono iscritta nuovamente all'Università per una seconda laurea, alla soglia dei 40.


    Ovviamente le cose stanno andando malissimo, ho dato solo un paio di esami perché il tempo a disposizione per studiare tra lavoro e famiglia non è più quello di quando avevo 20 anni. Mi sento terribilmente in colpa per questo sperpero di danaro! E poi mi sento sola, terribilmente sola. Finito il lavoro, resto sola con mia figlia di 3 anni fino all'ora di cena. Non è che con lei io possa fare chissà quali grandi discorsi e di amicizie qui, a 500km da casa, non ne ho (se non qualche conoscenza estemporanea). Praticamente ho solo mio marito che però rincasa tardi. Quando mia figlia era più piccola ho sofferto anche di depressione post-partum e anche se ora da quel punto di vista sto meglio, la depressione mi ha lasciato degli strascichi di ansia, qualche sporadico attacco di panico, ipocondria e apatia. Detesto la città in cui vivo, farei qualunque cosa per tornare nel mio luogo d'origine, ma l'idea di fare la fame mi (ci) frena. Quest'ultimo elemento di insoddisfazione aggrava il quadro generale. Sembra che io non sia mai contenta, sempre insoddisfatta e sempre con la netta sensazione di essere fuori posto, inetta e inadeguata.


    Vorrei che ci fosse una soluzione a tutto ciò...

  • Qubit

    Approved the thread.
  • L'infelicità ed insoddisfazione generalmente non sono legate a cose oggettive ma a un sentire rispetto ad un desiderio?


    Per i più potresti sembrare una persona realizzata: hai un lavoro che sembra piacerti, hai una relazione stabile e sei riuscita a fare una famiglia.


    Cosa desideravi vent'anni fa? Come vorresti essere oggi?

    namasté

    Love all, trust a few, do wrong to none

  • Io credo che sia normale sentirsi insoddisfatti, quasi nessuno vive la vita che sognava da piccolo.

    Io lascerei perdere la seconda laurea, trova qualcosa che ti piace fare, per te stessa, non per gli altri.

    E in cosa sarebbero superiori i tuoi colleghi? Sei sicura?

Participate now!

Don’t have an account yet? Register yourself now and be a part of our community!

Hot Threads

    1. Topic
    2. Replies
    3. Last Reply
    1. Una vita quasi perfetta... se non fosse per la distimia 14

      • stellina.P
    2. Replies
      14
      Views
      558
      14
    3. stellina.P

    1. Blocco 25

      • Hawake
    2. Replies
      25
      Views
      818
      25
    3. Hawake

    1. Solo al mondo 14

      • layton
    2. Replies
      14
      Views
      640
      14
    3. fran235

    1. Mentire a sé stessi 85

      • Eclissi
    2. Replies
      85
      Views
      3.1k
      85
    3. stellina.P

    1. Depressione da manuale 2

      • hope77
    2. Replies
      2
      Views
      275
      2
    3. hope77

    1. Non capisco il mio problema 20

      • Invisible
    2. Replies
      20
      Views
      990
      20
    3. Invisible