Posts by Ailene

    wavesequence ho spostato il post di apertura del tuo thread in questo, che reputo quello adeguato per portare avanti tale genere di argomentazioni, senza creare quelli che potrebbero risultare inutili doppioni in cui si finirebbe per riproporre inevitabilmente le stesse dinamiche. Mi raccomando i toni utilizzati e di evitare etichette e facili generalizzazioni. Grazie per la collaborazione.


    Ailene per lo Staff di moderazione

    Noto come in alcuni degli ultimi interventi sia emersa la tendenza ad alzare i toni, quindi invito tutti a cercare di raffreddare gli animi ed a continuare la discussione con la consueta pacatezza. Inoltre gradirei non dover leggere, a nessun titolo, epiteti come "stupido", "cretino" ed altri di tale risma riferiti a chicchessia, e che i contributi restassero per quanto più possibile in topic. Vi ringrazio per la collaborazione.


    Ailene per lo Staff di moderazione


    Andreea, questo è l'ennesimo di una lunga serie di thread che hai riesumato, la cui risposta risale a molti anni fa. Comprendo la tua voglia di partecipazione ma ti ho già chiesto più volte gentilmente di porre maggior attenzione, in caso contrario mi vedrò costretta a prendere mio malgrado provvedimenti. Chiudo il thread.


    Ailene per lo Staff di moderazione

    Chiudo il thread per necroposting. Andreea: questa è l'ennesima discussione che riporti in auge a distanza di anni dall'ultimo intervento, per favore cerca di porre un pochino più di attenzione a dove inserisci i tuoi interventi. Ti ringrazio.

    Tracciando un parallelo col mondo naturale è innegabile che la "bellezza" ricopra un ruolo fondamentale, intesa come armonia delle forme, buono stato di salute e patrimonio genetico di qualità, il tutto in funzione riproduttiva. Tutto ciò viene biologicamente trasposto anche nell'esperienza umana, col relativo corollario di conseguenti ed inevitabili sovrastrutture sentimentali e culturali.


    Ciò comporta che un individuo non corrispondente a questi postulati di base, rischia di vedersi penalizzato nei confronti del prossimo, e ancora prima che lo stesso possa dimostrare altre qualità spirituali che potrebbero, a volte eccedendole pure, compensare queste deficienze estetiche. Infatti, a differenza degli animali, gli esseri umani sono in grado di superare il mero aspetto esteriore ed arrivare a percepire ed apprezzare il mondo interiore altrui. È altresì vero che la società contemporanea, avvitata in un modello edonistico superficiale ed autoreferenziale non aiuta certo in tal senso, basandosi nelle interazioni sociali su modelli artificiosi e sbrigativi, come una sorta di all-you-can-eat relazionale distrofico.


    Rimane poi anche la sempre valida considerazione già espressa in precedenza, e cioè che tutto comunque parte dall'accettazione e dall'amore verso sé stessi, senza i quali il rapporto con gli altri si presenta di partenza già difficoltoso.