Posts by MissMarple

    Ciao! Ti capisco, io ho da sempre tante amicizie/conoscenze ma alla fine tra: matrimoni, figli, lavori fuori, altri interessi, finisce che esco sempre con la stessa gente. Mettici pure che soprattutto in una grande città come quella dove vivo io, non si creano gruppi nei soliti locali o zone come nei piccoli centri, quindi a 30 anni è davvero difficile fare amicizie.

    Però per mia esperienza ti posso dire che sicuramente il posto di lavoro/scuola aiuta, cioè vedere le persone quotidianamente, quindi non temere di stringere rapporti coi colleghi e proporre qualche uscita post lavoro (con me ha funzionato); poi, leggo che hai una compagna, quindi tante esperienze (ad esempio le vacanze che "invidi" agli altri su instagram) puoi farle con lei e magari insieme cercare di coinvolgere qualche conoscente, come avete fatto per la festa di sabato. Purtroppo non si può costringere la gente e nemmeno pregarla e capisco il senso di frustrazione che certe dinamiche provocano, ma alla fine se non hanno voglia/non possono non puoi farci nulla, solo andare oltre e cercare compagnie più compatibili.

    Ciao foc86xx , se lui ha colto la palla al balzo inutile che ti dica che è stato meglio così. Però essendo ancora fresca la cosa non lo darei per perso. Potrebbe anche essere che la sua ansia patologica l'abbia portato ad una sorta di esaurimento che si ripercuote sul rapporto. Del resto se tu sei qui immagino che soffri d'ansia, quindi sai bene di cosa si parla. Potresti provare a "insistere" su questa chiave. Se non è un soggetto fragile, se si seguono tutti gli accorgimenti ed ha anche il vaccino, non c'è motivo per negarsi anche solo un pranzo fuori (tra voi due che comunque pranzate e cenate insieme a casa presumo); analizzare e razionalizzare insieme potrebbe forse portare a qualcosa di buono.

    Probabilmente insomma la sua ansia è talmente forte da impedirgli di provare a vincerla anche se ciò significa perderti.

    Se dovesse mostrarsi irremovibile allora si, forse il problema atteneva al rapporto.

    Dato che sei ancora li a casa con lui, immagino che una speranza per il dialogo ci sia.

    Hai fatto benissimo, se anche c'è rimasta male, le passerà (soprattutto se ha un buon carattere mi pare di capire).

    Ne approfitto per farti gli auguri per tua figlia! Spero che tua mamma e tua sorella si stiano "comportando bene" a riguardo... Un abbraccio!

    Eventualmente ciò che posso fare è andare avanti senza farmi chissà che aspettative. infatti ora mi sta simpatico, ma alle volte mi sembra un libro chiuso.

    Esatto. Io ho capito col tempo che questa è la chiave per tanti rapporti. Certo non evita il rimanerci male eventualmente, ma sicuramente aiuta a vivere con maggiore consapevolezza e leggerezza a volte alcune relazioni.

    Secondo me non devi considerare più di tanto il suo comportamento alle scuole medie o i primi anni delle superiori: o meglio, sicuramente ti diranno molto della sua indole/carattere, ma di cavolate ne abbiamo fatte tutti a quell'età, si era immaturi e ci si approcciava la prima volta al concetto di amicizia/relazioni interpersonali ancora con le insicurezze e le spigolosità tipiche dell'adolescenza.

    Io lo valuterei da qualche anno a questa parte, se ritieni che ora potrebbe essere un buon amico e tu possa riuscire a fidarti perchè non riallacciare, soprattutto se ne hai bisogno?

    Sempre ovviamente tenendo presente i trascorsi e i potenziali limiti di questa persona, ma mi sembra scontato, dal momento che i hai esposti molto precisamente e mi sembri consapevole di cosa puoi aspettarti e cosa no, al momento, da lui.

    Ecco, è questo il punto. Ciò meriterebbe un altro thread perché è un altro dei miei modi di essere assurdi. Dentro di me la penso in un modo ma da fuori si leggono cose di segno diametralmente opposto. Dentro sono insofferente ai contatti umani ma fuori sembra quasi che io li cerchi. Non riesco ad apparire più fredda o più scostante. Mi si stampa, mio malgrado, un sorrisino gentile, remissivo, timido, da educanda. E la gente pensa (mi è stato detto proprio al parco) " si vede che sei timidissima". Come se io volessi parlare ma la timidezza me lo impedisca. Ma niente di più sbagliato! Dietro il mio sorriso timido c'è solo il pensiero: "oddio mo' non è che mi si incolla pure questa?"


    Quanto ti capiscoooooo!!! ^^

    Io sono anche peggio! Perchè buona educazione insegna che non puoi far sentire importuno l'interlocutore, e quindi...io sono proprio una maga nel far sentire importante chi mi parla nel reale e con tuti i suoi argomenti (un po' ha anche influito il lavoro e la diplomazia di cui necessita, ma è poca roba, perche il bug ...riconosco che è tutto mio :P ).

    Queste due cose avrei potuto scriverle io identiche! Mi ricordo che quando andavo all'università mi irritava incontrare colleghi e professori sul tragitto verso la facoltà...uguale adesso col lavoro (naturalmente non parlo di amici/e con cui ho confidenza e piacere di prendere un caffè, quanto di pseudo conoscenti con cui impegnarmi a fare chiacchiere purtroppo vuote).

    Ora che ho il cane poi ho il terrore che si verifichi qualcosa di simile a quanto descrive nba00 al parco...cosa purtroppo non solo probabile ma anche ricercata dalla maggior parte della gente.

    Eppure risulto amichevole e gentile, mentre dentro penso: "scollatevi!!!!"

    Successo anche a me, anche se in maniera molto più "leggera" (eravamo stati "insieme" qualche mese. mi lasciò e tornò a farsi vivo per riproporsi indirettamente...anche se in realtà, e secondo me poi se ne rese conto anche lui perchè ne parlammo, era più un fatto di controllo come ti stanno dicendo in tanti. E infatti riprovammo e non andò comunque): è uno schema comune a quanto pare. Credo che voglia inconsciamente non farsi scordare, mantenere il controllo, tenerti buona...a seconda del livello di gravità. Che poi 10 anni non si cancellano così, ovvio, ma sentirsi tutti i giorni, a maggior ragione se ha un'altra (a meno che lei non l'abbia smollato) è anomalo.

    Si percepisce il fatto che sei andata avanti, il che è buono, o sbaglio?

    Ciò premesso, io quasi quasi gli farei la domanda diretta...

    Io banalmente mi sento più a mio agio con la mascherina perchè copre il mio viso senza trucco, che pur non portando pesante anzi, metto sempre per coprire pallore e discromie varie (sarà una mia fissa, ma tant'è). Quindi mi sento più sicura di me. Con la mascherina poi come dici tu si punta sugli occhi e i miei mi piacciono, e col viso tutto scoperto non essendo così appariscenti non vengono magari notati. Poi in linea generale condivido quello che hai detto.