Posts by lia62

    Nessuno sa come ci si sente
    Ad essere l’uomo cattivo
    Ad essere l’uomo triste
    Dietro gli occhi azzurri.

    Nessuno sa come ci si sente
    ad essere odiato
    Ad essere accusato
    di dire solo bugie.

    Ma i miei sogni
    non sono così vuoti
    Come sembra essere la mia coscienza.

    Ho ore, in totale solitudine
    Il mio amore è una vendetta
    Che non è mai libera.

    Nessuno sa come ci si sente
    A provare questi sentimenti
    Come faccio io,
    e me la prendo con te

    Nessuno si trattiene così tanto
    dalla sua rabbia.
    Nessun mio dolore nè disgrazia
    Può trasparire.

    Ma i miei sogni non sono così vuoti
    Come sembra essere la mia coscienza.

    Ho ore, in totale solitudine
    Il mio amore è una vendetta
    che non è mai libera.

    Quando i miei pugni si stringono, riaprili
    prima che li usi e perda la calma
    quando sorrido, raccontami qualche brutta notizia
    prima che inizi a ridere e comportarmi come un pazzo

    Se ingoio qualcosa di dannoso
    cacciami le dita in gola
    se tremo, ti prego dammi una coperta
    tienimi caldo, lascia che indossi il tuo cappotto

    Nessuno sa come ci si sente
    ad essere l’uomo cattivo
    ad essere l’uomo triste
    dietro gli occhi azzurri

    LA DEVI GESTIRE DA SOLI CON AIUTO FARMACOLOGICO...IO ADESSO NON PRENDO PIU' NIENTE E' NON HO PIU' NIENTE DA PERDERE LA DEPRESSIONE LA FACCIO PRENDERE AGLI ALTRI...PREMETTO LA MIA ERA ED E REATTIVA A LUTTI IO CANCRO E SEPARATA ...BINGO...MA ADESSO NON ME NE FREGA PIU' 30 HA FARMI LE SEGHE MENTALI..UN DISCORSO A PARTE PER L' ENDOGENA..VA CURATA ASSOLUTAMENTE ....

    Complimenti hai vinto l'oscar della saggezza ---------ribelle--------------ma tu mi conosci?Sai cosa ho fatto per lui'?Sai che io sono malata al 100 per 1000, sai che alla fine in ospedale mi dovrebbe accompagnare quello che non amo, allora io so di non amarlo, piu, ma nella mia morale so' anche non si usano le persone, che non si salta nel letto solo per il benessere di un'ora, per guardare in faccia dopo chi ti deve cucinare, l'amore ,IO DOMANI, ti dovrebbere rispondere lui direttamente...gli amici quanti ne voglio ho una rubrica piena, anzi basta che prendo i cellulari e cordeless, e vaiiiiiiiiiiiiiiiiiii, io sono sola per scelta, perche' a me mi hanno riempito di corna ed umiliazioni, okkkk va bene uso il mio ex fate pure i moralisti, ma con me stessa, so che non lo uso per il letto, poi io domani e' quello che cerco di proteggere, se leggi bene, ha due bimbi piccoli, nn ha una salute che puo' affrontate, e che puo' aiutarmi,uno stipendio una moglie non autosufficiente.....................io ho una famiglia distrutta, nel fisico e nella mente, mio figlio stamattina ha avuto un attacco di panico..non voleva andare in ospedale, ma il padre lo ha portato....ha chi ho chiamato. :?: .......al padre. :!: ...........A ribelle non fa O' SCIENZIATO.............MA VUOI DIVENTARE PURE TU AMICO MIO :?: VIENI PURE TU NEI RINGO BOYS :!: :!: La Fenice, spesso nota anche con l'epiteto di Araba Fenice, era un uccello mitologico noto per il fatto di rinascere dalle proprie ceneri dopo la morte. Ed che faccio la fenice.......................RIBELLLLLLLLLLLLLLLLLE LEGGITI I POST.......................E POI COMMENTI :!: :!: IO HO UNA DIGNITA' ED UNA MORALE.............MA CHE NE SAI TU CHE VIENI ED APRI UN POST....LEGGI PRIMA I MIEI PRIMI POST 900 POI PARLIAMO.. :hi:

    I tabù dinamici sarebbero, per Malinowski, quelli connessi con particolari condizioni di rischio, per esempio con le azioni che servono a produrre e a ottenere dei beni necessari all'esistenza. Questi tabù sono particolarmente evidenti nel sistema di scambi cerimoniali kula: durante il viaggio delle canoe nei vari arcipelaghi della Nuova Guinea orientale (Gli Argonauti del Pacifico Orientale, 1922), le donne sono tenute a particolari comportamenti, come piangere o non piangere, non uscire, non avere rapporti sessuali ecc.
    Ma quello che Malinowski crede di spiegare - e cioè che «se una donna si comportasse male, la canoa del marito andrebbe lentamente» - non appare affatto spiegato, perché il tabù sta appunto a sottolineare la connessione fra ciò che fa la donna e ciò che succede nell'oceano lontano da lei, cosa che è del tutto al di fuori di una «funzionalità» concreta. A. Radcliffe-Brown ritiene che sia il tabù stesso a determinare una condizione di ansia e di angoscia, secondo un istinto di paura che sarebbe proprio dei primitivi e dei bambini (Tabù, 1939). Si rientra così nell'ambito delle ipotesi di tipo psicologico, il che testimonia quanto sia complesso e ancora insufficientemente spiegato il fenomeno della tabuizzazione.