Rabbia, ansia e paura post tradimento

  • 8 mesi fa ho lasciato il mio ex perché ho scoperto che mi tradiva. La relazione andava avanti da 5 anni e lui era stato il mio primo fidanzato.

    Lui inizialmente non ammise nulla, poi pian piano ha ammesso qualcosina, ma non fu mai completamente onesto con me.

    Ora da qualche mese, grazie a fonti certe e molto vicine a lui, ho scoperto che durante i 5 anni di relazione mi ha tradita con altre 3/4 ragazze. Inoltre dopo che l'ho lasciato (lui ha continuato ad implorarmi per mesi di tornare insieme), stava già con un'altra (una di quelle con cui mi tradiva) e in tutto ciò mi supplicava con messaggi h24 di perdonarlo.

    Sapere queste cose con certezza mi ha fatto crollare il mondo addosso e da quando l'ho scoperto provo rabbia, frustrazione, senso di umiliazione, nonostante non stia più con lui da mesi. Mi sento presa in giro, usata, quando io con lui sono sempre stata ineccepibile. Come si possono superare queste sensazioni? Ormai sono passati mesi e di lui non ne voglio assolutamente sapere, ma le ferite che mi ha lasciato continuano a farsi sentire. Ho l'autostima a pezzi.

  • Ciao fedegilmore, mi spiace tantissimo per quello che racconti.

    Le sensazioni che provi sono assolutamente normali e comprensibili. Hai subito un tradimento, anzi più d'uno, da parte della persona che amavi, e ti ritrovi ora a fare i conti con la fine della vostra storia e anche con una nuova (in negativo) versione del tuo ex che prima non conoscevi. Tutto ciò è estremamente destabilizzante.


    8 mesi non sono tantissimi, nel senso che non mi aspetterei che una persona abbia già serenamente oltrepassato tutto quanto. Ognuno ha i suoi tempi e va benissimo così. Purtroppo, in questi casi non ci sono soluzioni "facili". Tocca stare col dolore e fare i conti con tutti i sentimenti negativi: la frustrazione, la poca stima di sé, la rabbia, ecc.


    È sempre valido il consiglio di farsi aiutare da un professionista nell'elaborare questi vissuti, se con il passare del tempo ti rendi conto che il tuo malessere rimane invariato.


    A parte la situazione sentimentale, il resto della tua vita come va?

  • Come si possono superare queste sensazioni?

    Io l'ho vissuta come te nell'Agosto del 2023 e non sono ancora riuscito a metterci un punto fermo, sono ormai in un limbo di esistenza miserabile, quindi sono anche l'ultima persona che ti può dire come superarlo.

    Posso dirti quello che ho fatto io però: ho chiuso il mio cuore e adesso vivo di conoscenze superficiali con l'altro sesso, quindi niente più colpi di testa e sono diffidente in maniera patologica.

    Questo da una parte mi ha aiutato a darmi valore, non per gli altri ma per me stesso (autostima), dall'altra c'è chi mi rimprovera di essere diventato un pretenzioso. La mia pretesa è di non rivivere quel trauma, poi gli altri possono pensare quello che vogliono.

  • 8 mesi fa ho lasciato il mio ex perché ho scoperto che mi tradiva. La relazione andava avanti da 5 anni e lui era stato il mio primo fidanzato.

    Lui inizialmente non ammise nulla, poi pian piano ha ammesso qualcosina, ma non fu mai completamente onesto con me.

    Ora da qualche mese, grazie a fonti certe e molto vicine a lui, ho scoperto che durante i 5 anni di relazione mi ha tradita con altre 3/4 ragazze. Inoltre dopo che l'ho lasciato (lui ha continuato ad implorarmi per mesi di tornare con insieme), stava già con un'altra (una di quelle con cui mi tradiva) e in tutto ciò mi supplicava con messaggi h24 di perdonarlo.

    Sapere queste cose con certezza mi ha fatto crollare il mondo addosso e da quando l'ho scoperto provo rabbia, frustrazione, senso di umiliazione, nonostante non stia più con lui da mesi. Mi sento presa in giro, usata, quando io con lui sono sempre stata ineccepibile. Come si possono superare queste sensazioni? Ormai sono passati mesi e di lui non ne voglio assolutamente sapere, ma le ferite che mi ha lasciato continuano a farsi sentire. Ho l'autostima a pezzi.

    Quello che provi è perfettamente normale, sono eventi che per forza di cose resteranno sempre nei ricordi, ma con il passare del tempo sarà sempre meno doloroso.

    Ciò che ti ha ferito così tanto è il tradimento "carnale" o sentimentale? Il primo è generalmente più semplice da superare. Potrebbe aver senso tagliare totalmente i ponti con lui, così da evitare che ogni suo tentativo di contattarti possa riaprire la ferita.

  • Secondo me è normale che ci voglia parecchio tempo per elaborare un tradimento con queste modalità... anche perché ci si colpevolizza per non avere capito che genere di persona fosse e si perde la fiducia nell'altro. Datti tempo...

Participate now!

Don’t have an account yet? Register yourself now and be a part of our community!

Hot Threads

    1. Topic
    2. Replies
    3. Last Reply
    1. Ansia causata da viaggi e spostamenti per lavoro 3

      • auron3110
    2. Replies
      3
      Views
      81
      3
    3. auron3110

    1. Penso di aver toccato il fondo, non so più che fare 19

      • nonloso1989
    2. Replies
      19
      Views
      846
      19
    3. Paura@@@

    1. Sono disperata, necessito di un consiglio 16

      • Elly D.
    2. Replies
      16
      Views
      497
      16
    3. Mareaovest

    1. Derealizzazione estiva e sintomi assurdi 15

      • Nonsocomechiamarmi
    2. Replies
      15
      Views
      678
      15
    3. Nonsocomechiamarmi

    1. La sorte delle persone disabili 72

      • Lu_Ca
    2. Replies
      72
      Views
      2.6k
      72
    3. Lu_Ca

    1. Estate, caldo e peggioramento dell'ansia e del panico 12

      • Doraemon
    2. Replies
      12
      Views
      822
      12
    3. Nonsocomechiamarmi