Andare a vivere da solo

  • Mi rendo perfettamente conto che, soprattutto in Italia, trovare un'occupazione che ti "sistema" non è facile.

    Non ho ben intuito se tu abbia dei progetti per arrivare a costruire un percorso di carriera, oppure se hai cercato (o sei alla ricerca) di un lavoro "random".


    In entrambi i casi, se la tua (comprensibile) esigenza di una indipendenza è così forte, mi verrebbe da suggerirti di provare a cercare anche altrove, magari dove ci sono più possibilità di lavoro.

    Oppure di trovare un'attività secondaria in aggiunta al tuo impiego. Degli esempi possono essere il food delivery, le ripetizioni, il cameriere la sera, e chi più ne ha più ne metta.

    Queste sono solo idee.


    Mi è balenato per la testa anche questa cosa, non so se tuo fratello lavori, che età abbia, che rapporti hai con lui, ma cosa ne pensi di andare a condividere un appartamento con lui? Ovviamente è solo un brainstorming per buttare dei pensieri.

  • Partiamo dal presupposto che andare a vivere in affitto è la peggior mossa che si possa fare finanziariamente parlando, e te lo dice uno che in 12 anni di affitto avrà letteralmente regalato 80/100K.


    Detto questo a maggior ragione, fare un passo come il tuo in una situazione lavorativa precaria è follia.


    Innanzi tutto dubito fortemente che troverai una casa solo perché non hai un contratto a tempo indeterminato, quella è la condizione sine qua non per avviare almeno la procedura, poi ci devi aggiungere le caparre e, se dovessi passare dall'agenzia, pure la commissione di quei furfanti.


    Poi entriamo nella pratica, quanto prendi di stipendio?


    Ricordati che da questo dovrai sottrarre, affitto, spese condominiali, bollette, spesa, insomma tutte le spese fisse e sarebbe anche opportuno almeno risparmiare qualcosa per gli imprevisti (che ci sono sempre).


    Fatti due conti in tasca e chiediti se questo salto ti farebbe stare meglio.

  • Mi è balenato per la testa anche questa cosa, non so se tuo fratello lavori, che età abbia, che rapporti hai con lui, ma cosa ne pensi di andare a condividere un appartamento con lui? Ovviamente è solo un brainstorming per buttare dei pensieri.

    Ci ho pensato spesso a questa possibilità. Io e mio fratello andiamo d'accordo per fortuna, anche lui lavora però adesso è arrivato a un punto in cui vorrebbe lasciarlo, anche perché tra le altre cose lui lavora in nero. Questa situazione tra l'altro ultimamente lo sta un po' angosciando quindi per adesso non vorrei sconvolgerlo ulteriormente facendogli questa proposta.

  • Mi rendo perfettamente conto che, soprattutto in Italia, trovare un'occupazione che ti "sistema" non è facile.

    Non ho ben intuito se tu abbia dei progetti per arrivare a costruire un percorso di carriera, oppure se hai cercato (o sei alla ricerca) di un lavoro "random".

    Beh, questo lavoro che sto facendo in questo momento è un lavoro potremmo dire "random", cioè qualcosa per iniziare ad avere uno stipendio e quindi un minimo d'indipendenza economica, che tra l'altro è un lavoro simile a quello che facevo prima nel quale purtroppo non hanno potuto rinnovarmi il contratto a causa della grave crisi in cui si trova l'azienda. Naturalmente mi piacerebbe trovare qualcos'altro, magari più nelle mie corde, con una prospettiva di carriera e soprattutto pagato meglio. Onestamente però la vedo dura di questi tempi.

  • Poi entriamo nella pratica, quanto prendi di stipendio?

    In questo momento purtroppo poco, perché il mio contratto prevede poche ore di lavoro, di recente ho dato la mia disponibilità per fare degli straordinari ma -a parte che non è neanche sicuro che me li faranno fare- si tratta comunque di occasione saltuarie.

  • Ciao Postosuchus

    Le stanze in affitto di solito comprendono sia la quota di utenze che il condominio, e a seconda della città una stanza singola può costarti dai 350 ai 600€. Non so quale sia la città in cui lavori, ma a seconda di questo varia anche la spesa per i beni di prima necessità: se sai comprare bene, senza sprechi e ti rivolgi ai discount con i prezzi attuali con 200€ al mese ci dovresti stare abbondantemente dentro. A questo dovrai sommare le spese per l'auto (che però se vai a vivere vicino al posto di lavoro puoi tagliare drasticamente), ma anche qui dipende dalla città perché non dappertutto i mezzi funzionano bene (per quanto una bici potrebbe essere la soluzione).


    Io sono andata a vivere da sola appena diplomata, cominciando con lavoretti che a fatica mi garantivano due pasti al giorno e l'affitto di una stanza doppia, ma pian piano le cose sono migliorate. Attualmente posso permettermi una stanza mia (cosa ormai comune anche in ragazzi con lavori più stabili del mio) e pian piano ho messo da parte qualcosa che mi consentisse di laurearmi e migliorare ancora un po' la situazione economica.

    Diciamo che se parti svantaggiato serve tantissima determinazione e spirito di adattamento.

    È una scalata, ma è possibile.

Participate now!

Don’t have an account yet? Register yourself now and be a part of our community!

Hot Threads

    1. Topic
    2. Replies
    3. Last Reply
    1. Il difficile rapporto con mio padre 30

      • Paoletta90
    2. Replies
      30
      Views
      728
      30
    3. Blackmacigno

    1. Annuncio di arrivo bebè in famiglia che poteva andare meglio 20

      • slacky343
    2. Replies
      20
      Views
      715
      20
    3. stellina.P

    1. Come comportarsi con genitori controllanti? 15

      • Judep
    2. Replies
      15
      Views
      1.2k
      15
    3. Bulbasaur

    1. La doppia faccia di mia madre 9

      • uccia
    2. Replies
      9
      Views
      437
      9
    3. ipposam

    1. Penso sempre a quando mio padre non ci sarà più 24

      • Ugo0991
    2. Replies
      24
      Views
      907
      24
    3. fran235

    1. Mia suocera è una mitomane e il mio compagno l'asseconda 5

      • stellafranca
    2. Replies
      5
      Views
      209
      5
    3. Bulbasaur