Mi trovo in piena crisi esistenziale, ho bisogno di aiuto

  • Buonasera a tutti, oggi mi sono sentito un po' meglio, anche perché sono giunto a queste conclusioni: l'importanza e il valore alle cose e alle persone la do io, non dalla loro grandezza rispetto all'universo; l'universo esiste semplicemente perché il nulla non può esistere, e la conformazione dell'universo come lo conosciamo è totalmente casuale (forse non l'ho detto, ma un altro pensiero che mi ossessiona è il perché esiste l'universo, perché esiste la realtà, perché esiste "tutto questo" diciamo...). Nonostante ciò, sento ancora che la mia visione del mondo è radicalmente cambiata in negativo rispetto a prima e non riesco ancora a togliermi quei pensieri dalla testa... Soffro probabilmente di un disturbo psicologico? Ansia, disturbo ossessivo compulsivo? Perché ora che ci penso ho avuto esperienze simili in passato, ma sono durate pochi giorni e non ci ho fatto molto caso...

    Comunque, visto che qualcuno lo chiedeva, ho 17 anni e studio, infatti mi sono sentito completamente stupido a farmi ridurre in questo stato dalla lettura di un libro, cosa che quindi va a dimostrazione che potrei avere problemi a livello psicologico.

    Aspetto vostre risposte, spero di essermi spiegato bene e di non essere sembrato stupido.

  • Comunque, visto che qualcuno lo chiedeva, ho 17 anni e studio, infatti mi sono sentito completamente stupido a farmi ridurre in questo stato dalla lettura di un libro, cosa che quindi va a dimostrazione che potrei avere problemi a livello psicologico.

    A quell'età il cervello gira talmente veloce che è normale avere dei piccoli "corto-circuito" di questo tipo, ma sono cose che durano poco. L'importante è non fissarsi troppo sul singolo pensiero.

    Omnis mendaciumo. Bis vincit qui se vincit in victoria. Re sit iniuria.

  • Ciao Marco!

    Non sono un medico ma posso dire di trovarmi, se non nella tua stessa situazione, in una molto simile e spero che quello che ti dirò potrà darti una mano.

    Da ottobre circa ho iniziato a farmi domande ossessive sull'esistenza.

    I pensieri che hai detto di avere potrei averli scritti tranquillamente io.

    Per me non è qualcosa di nuovo, dato che da quando avevo 10-11 anni (ora ne ho 26), a fasi alterne e in modo sempre più invasivo e invalidante, questo argomento si è presentato nella mia vita.

    Quest'ultima volta però ho deciso di fare qualcosa che le altre volte non ho fatto: contattare uno psicologo specializzato nel DOC, di cui penso di soffrire.

    Tramite una tecnica chiamata ERP (esposizione con prevenzione della risposta) io sto rinascendo.

    Questo è il primo passo che ti consiglio di fare.

    Nel mentre attenderai aiuto da un professionista, mi sento di darti alcune dritte.

    Non voglio sminuire ciò che hanno scritto gli altri utenti, ma a mio avviso cercare di dare risposte logiche a questi tuoi dubbi non solo è inutile ma addirittura controproducente.

    A mio avviso dovresti più concentrarti sull'imparare a vivere nell'incertezza.

    Puoi essere felice e vivere sereno anche senza sapere perché esistiamo, cos'è l'universo etc etc.

    Poi... questo dovrebbe essere l'ultimo messaggio che leggi riguardante l’argomento su internet.

    Basta cercare rassicurazioni.

    Quando senti i pensieri e l'ansia salire, li lasci salire.

    Devi resistere alla sensazione di volerti tranquillizzare.


    Vai Marco che se ne esce!

  • Ciao, ho letto la risposta di fulmine1997 e lo ringrazio per questo. A questo punto opterei per rivolgermi a un professionista, ma ci sono alcuni problemi: essendo io minorenne, i miei genitori devono avere il consenso e ho paura a dirgli tutto quello che penso. Cosa dovrei fare, dirgli che penso di soffrire di DOC e chiedergli di andare da uno psicologo? Un altro dubbio che ho è: e se non soffrissi di questo disturbo? Quello che posso dire è che a fasi alterne, circa da quando ho 12-13 anni, ho avuto periodicamente momenti di ansia (parlo di alcune settimane) dati da pensieri ossessivi che mi affollavano la mente e a volte minavano la mia lucidità (questo ultimo che sto avendo è stato finora il peggiore, posso dire che mi ha quasi distolto dalla realtà); però, ogni volta finivano quando smettevo di pensarci e credevo fosse una cosa normale. Inoltre, ogni volta i pensieri che mi ossessionavano (credo che a questo punto sia il giusto verbo da utilizzare) erano diversi, cioè ho avuto un periodo di ansia per un determinato pensiero ossessivo, un altro periodo per un altro pensiero ancora, ecc.

    È abbastanza per sembrare DOC? Ringrazio tutti in anticipo, spero che fulmine1997, essendo che potrebbe trovarsi nella mia stessa situazione, sappia chiarire i miei dubbi.

  • Dopo aver cominciato a leggere un libro sullo spazio e sull'universo...

    Uno degli incipit più belli che ho letto.

    Mi stupisce e un po' affascina che la lettura di un libro abbia scatenato in te questa crisi mistica. Da una parte t'invidio, non ricordo di aver avuto mai un'epifania, una rivelazione, un'illuminazione leggendo un libro. Mi sono appassionato si, immedesimato, sono rimasto affascinato, trasportato in luoghi lontani nello spazio e nel tempo con l'immaginazione. Mi sono emozionato. Incuriosito.

    Ma mai ho sperimentato tutto questo potere.


    Il discorso su ciò che siamo o non siamo, sulla nostra importanza o unicità nell'universo è un discorso che andrebbe affrontato in termini filosofici, matematici, statistici, fisici. E ovviamente religiosi.


    Ma più importante in questo momento mi sembra sia il discorso su questo tuo malessere, questo smarrimento che senti dopo aver acquisito un nuovo senso della realtà. Dici che vedi tutto con occhi diversi, anche i tuoi cari. Sembri spaventato.

    Non credo sia il caso di rivolgersi a uno psicologo, sinceramente non lo so, ma se lo chiedi probabilmente questa cosa ti sta creando grande sofferenza, dici che non riesci a smettere di pensarci.

    Forse devi farlo. Analizzare questa nuova consapevolezza.

    Cerca di fare i conti con questa scoperta, con questi nuovi limiti che sembrano espandersi all'infinito, prenditi del tempo, pondera le cose, e vedrai che acquisterai una visione più ampia del tutto.

    Quando parli di un puntino sperduto nell'universo si sente di quanto tu soffra al pensiero di questa solitudine siderale.

    Eppure siamo.

    Se anche fossimo soli saremmo comunque il miracolo della vita. Siamo noi il senso di noi stessi.

    Se anche tutto fosse inutile (e non credo lo sia) crea tu il senso della tua vita. Sei libero di farlo!


    Se pensi di essere niente in confronto all'universo, sappi che è vero.

    E scoprirai anche che sei tutto.

    Questa frase non è mia, ma è veramente magica. L'originale recita


    Tu sei tutto, e niente.


    E' una delle mie frasi preferite, spero ti aiuti in qualche modo.

    E ti consiglio altre letture oltre quelle sulla geografia astronomica, ad esempio Siddharta di Hesse, potresti scoprire che c'è un universo anche in un granello di sabbia :)



  • Ciao, ho letto la risposta di fulmine1997 e lo ringrazio per questo. A questo punto opterei per rivolgermi a un professionista, ma ci sono alcuni problemi: essendo io minorenne, i miei genitori devono avere il consenso e ho paura a dirgli tutto quello che penso. Cosa dovrei fare, dirgli che penso di soffrire di DOC e chiedergli di andare da uno psicologo? Un altro dubbio che ho è: e se non soffrissi di questo disturbo? Quello che posso dire è che a fasi alterne, circa da quando ho 12-13 anni, ho avuto periodicamente momenti di ansia (parlo di alcune settimane) dati da pensieri ossessivi che mi affollavano la mente e a volte minavano la mia lucidità (questo ultimo che sto avendo è stato finora il peggiore, posso dire che mi ha quasi distolto dalla realtà); però, ogni volta finivano quando smettevo di pensarci e credevo fosse una cosa normale. Inoltre, ogni volta i pensieri che mi ossessionavano (credo che a questo punto sia il giusto verbo da utilizzare) erano diversi, cioè ho avuto un periodo di ansia per un determinato pensiero ossessivo, un altro periodo per un altro pensiero ancora, ecc.

    È abbastanza per sembrare DOC? Ringrazio tutti in anticipo, spero che fulmine1997, essendo che potrebbe trovarsi nella mia stessa situazione, sappia chiarire i miei dubbi.

    Ora secondo me non è importante capire se è doc o meno. Concentrati sul fatto che io ho avuto un’esperienza molto simile alla tua e ti ho detto come ne sto uscendo.

    Per quanto riguarda i tuoi genitori, io gliene parlerei tranquillamente.

    Se raccontargli i contenuti delle tue ossessioni ti crea disagio, puoi limitarti a dirgli che pensi di soffrire di doc, che non stai bene e che vorresti parlare con un professionista.

    Dai Marco che passa :)

  • Ciao.

    Io non ci vedo niente di così patologico in ciò che hai vissuto. Hai 17 anni e forse non ti era mai capitato di realizzare prima quanto il nostro mondo fosse piccolo, o quanto la realtà fosse vasta.

    Sembra che tu abbia avuto una presa di coscienza violenta. Hai cambiato prospettiva.


    Avevo penso 7 o 8 anni quando mio padre mi fece immaginare noi due dall'esterno, poi la casa vista dall'alto, poi il paese, la città, la Nazione, la Terra, il Sistema solare, l'Universo... E mi disse renditi conto di cosa fai parte.


    Credi in un dio?

    Se stai già meglio e questo pensiero è il tuo unico problema non mi sembra così assurdo.

  • Ciao, credo come fulmine1997 che tu debba parlarne tranquillamente con i tuoi per farti seguire da un professionista, un discorso è rimanere turbato per una lettura per una giornata, un conto è fissarsi su quel tema e perdere di vista la vita reale. Prima chiedi aiuto e prima avrai degli strumenti per poter razionalizzare quello che ti sta succedendo e ripartire ad affrontare la vita, a 17 anni non è giusto rimanere ingabbiato in circoli viziosi mentali come il DOC. Ciao.

  • Ciao a tutti, scrivo ancora qui perché da quando avevo parlato del mio problema sono cambiate alcune cose. In questi mesi ho avuto periodi di tranquillità alternati a periodi di disagio più o meno forte. Nel momento in cui scrivo credo di star attraversando un periodo di derealizzazione: mi sento estraneo all'ambiente che mi circonda, percepisco come un alone di irrealtà, e ho una percezione distorta dello spazio e del tempo. Mi sento confuso e disorientato. Ricordo che tutto è iniziato solo dopo che ho letto un libro, che ha scatenato in me domande esistenziali che hanno occupato costantemente la mia mente a periodi alterni. Ho provato ad andare dallo psicologo un paio di volte, ma non mi ha aiutato come volevo. Cosa mi consigliate di fare?

  • Ma quanti anni hai, studi, lavori!? Come può un libro distoglierti dalla realtà.

    A me è successo, era un libro di poesie di Simone Weil. Mi ha fatto entrare in un periodo di crisi esistenziale con fortissimi attacchi di angoscia al pensiero della morte e dell'infinito (o del nulla) che ci attende. Sono passati dieci o dodici anni ormai, ho avuto una ricaduta poco prima che scoppiasse la pandemia, con la pandemia è stranamente passato.


    Io non l'ho fatto all'epoca, ma consiglio fortemente all'OP di andare da un medico psichiatra che potrà aiutarlo!

Participate now!

Don’t have an account yet? Register yourself now and be a part of our community!

Hot Threads

    1. Topic
    2. Replies
    3. Last Reply
    1. La sorte delle persone disabili 70

      • Lu_Ca
    2. Replies
      70
      Views
      1.9k
      70
    3. Lu_Ca

    1. Stress stagionale 16

      • ipposam
    2. Replies
      16
      Views
      455
      16
    3. nuovaalba

    1. La paura sul lavoro mi paralizza e sono terrorizzato 121

      • Paura@@@
    2. Replies
      121
      Views
      4.1k
      121
    3. Paura@@@

    1. Ansia che si placa di notte 22

      • MyDarkSoul
    2. Replies
      22
      Views
      744
      22
    3. hope77

    1. La mia vita a rotoli, mi date qualche consiglio? 24

      • Ansiaperenne
    2. Replies
      24
      Views
      1.4k
      24
    3. brunetto

    1. Mia figlia non migliora nonostante la terapia, stiamo sbagliando qualcosa? 18

      • argentina
    2. Replies
      18
      Views
      1.2k
      18
    3. Sissi8