DOC omosessuale e pedofilo

  • Ciao, sono una ragazza di 20 anni e soffro di DOC. Dopo un lungo periodo di ossessioni ecc. sono riuscita a stare meglio per molto tempo ma ora, dal nulla, si sono ripresentate legate alla sessualità, tra cui la più invalidante è la paura di essere pedofila perché mi è sorta questa fissazione per le parti intime, specialmente femminili, per le quali ho l'impulso di toccarle ed a volte le immagino di bambine. Ci penso continuamente e questo mi provoca ansia, tristezza e disagio. Ho anche iniziato la scuola d’estetica e quindi vedo continuamente ragazze in intimo, una volta ho anche sfiorato apposta le parti intime di una mia collega durante un massaggio per vedere se provavo qualcosa. Fanstastico pure sui familiari, come mia sorella, e ciò mi mette a disagio in quanto mi sento scollegata dalla realtà.


    Può trattarsi di DOC anche in questo caso? È normale avere impulsi di tale natura? Come potrei fare per contrastarli? Tra l’altro temo che se continuerò ad avere queste ossessioni non potrò mai avere una famiglia e dei figli, ho letto di persone che ne soffrono ed immagino che sarebbe bruttissimo. Nella mia testa si ripetono senza sosta questi scenari mentre io non voglio più avere di questi pensieri, voglio solo tornare ad essere felice. Grazie e scusate per la lunghezza del messaggio.

  • Qubit

    Approved the thread.
  • Ciao, sono una ragazza di 20 anni e soffro di DOC. Dopo un lungo periodo di ossessioni ecc. sono riuscita a stare meglio per molto tempo ma ora, dal nulla, si sono ripresentate legate alla sessualità, tra cui la più invalidante è la paura di essere pedofila perché mi è sorta questa fissazione per le parti intime, specialmente femminili, per le quali ho l'impulso di toccarle ed a volte le immagino di bambine. Ci penso continuamente e questo mi provoca ansia, tristezza e disagio. Ho anche iniziato la scuola d’estetica e quindi vedo continuamente ragazze in intimo, una volta ho anche sfiorato apposta le parti intime di una mia collega durante un massaggio per vedere se provavo qualcosa. Fanstastico pure sui familiari, come mia sorella, e ciò mi mette a disagio in quanto mi sento scollegata dalla realtà.


    Può trattarsi di DOC anche in questo caso? È normale avere impulsi di questa natura? Come potrei fare per contrastarli? Tra l’altro temo che se continuerò ad avere queste ossessioni non potrò mai avere una famiglia e dei figli, ho letto di persone che ne soffrono ed immagino che sarebbe bruttissimo. Nella mia testa si ripetono senza sosta questi scenari mentre io non voglio più avere di questi pensieri, voglio solo tornare ad essere felice. Grazie e scusate per la lunghezza del messaggio.

    Ciao. Il DOC è una patologia psichiatrica che deve essere diagnosticata da uno specialista, non basta fare dei sogni o avere attrazioni sessuali in modo discontinuo, ci vuole ben altro.

    Hai venti anni, quindi il tuo corpo è un continuo scombussolamento ormonale, in special modo durante il ciclo, e quando succede questo, oltre ad altri sintomi, subentra "la libido".

    Le fantasie sessuali sono definite come immagini o scenari mentali che provocano eccitamento, queste possono emergere spontaneamente oppure essere evocate e manipolate intenzionalmente.

    Non metterti in testa patologie che richiedono diagnosi da parte di specialisti ed i cui connotati sono ben diversi da quello che rappresenti tu e liberati da interrogativi sul futuro che non hanno senso, credimi.

    Come sempre in bocca al lupo e per qualsiasi domanda non esitare :) :thumbup:

    Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l’esperienza. (Oscar Wilde)


    I miei post - N.B. non sono medico né figura similare, ma questa è un'altra storia

  • Ciao, purtroppo mi è stato confermato che si tratta di DOC da uno specialista in una delle prime sedute, il problema è che mi vengono gli impulsi e la mia testa dice "fallo, così ti sentirai più libera". O mi sto autoconvincendo di esserlo oppure il DOC è una scusa per non ammetterlo, stavo bene fino a due settimane e poi sono caduta di nuovo nel loop. Quando qualcuno mi parla penso ad altro, voglio avere conferme, non voglio tornare a come stavo prima, non riesco nemmeno più a stare con mia sorella più piccola o con qualsiasi altra persona senza sentirmi angosciata ed ansiosa e vorrei piangere o dormire sempre senza più svegliarmi. Secondo voi è DOC oppure qualche parafilia? :neutral_face:

  • Stai super tranquilla, è doc al 100 per 100, non hai nessuna parafilia. Io ho sofferto dello stesso doc (e anche altri), i pensieri sono simili, i meccanismi altrettanto.

    Occorre fare psicoterapia, se necessario prendere i farmaci adatti, e dare il tempo alla nostra mente di riprendere lucidità. È solo un accumulo d'ansia. Occorre tempo per tornare al vecchio equilibrio, ma è possibile. La prima volta per me è durata 3 mesi, poi ho fatto la terapia e sono stata bene per ben 8 anni. Ho avuto una ricaduta quest'estate e piano piano sto riacquistando (tra alti e bassi) il mio equilibrio.

    Stai tranquilla :slightly_smiling_face:

  • Secondo voi è DOC oppure qualche parafilia?

    Ciao. Prendo l'ultima parte del tuo post per farti presente che non puoi fare certe domande, le cui risposte sono deputate agli specialisti in base ad attenta anamnesi sia personale che familiare. Nessuno di noi in questo forum può anche soltanto dire "secondo me" perchè il solo farlo può mandare ancora più in loop il tuo cervello.

    Scusa, vorrei porti una domanda: sei in cura da qualche psicologo e se sì per quale diagnosi? Da quanti mesi hai iniziato? Provi sensazioni ansiogene che ti portano a soffrire di ansia? Stai vivendo periodi di stress?

    Come sempre in bocca al lupo e per qualsiasi domanda non esitare :) :thumbup:

    Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l’esperienza. (Oscar Wilde)


    I miei post - N.B. non sono medico né figura similare, ma questa è un'altra storia

  • Stai super tranquilla, è doc al 100 per 100, non hai nessuna parafilia. Io ho sofferto dello stesso doc (e anche altri), i pensieri sono simili, i meccanismi altrettanto.

    Occorre fare psicoterapia, se necessario prendere i farmaci adatti, e dare il tempo alla nostra mente di riprendere lucidità. È solo un accumulo d'ansia. Occorre tempo per tornare al vecchio equilibrio, ma è possibile. La prima volta per me è durata 3 mesi, poi ho fatto la terapia e sono stata bene per ben 8 anni. Ho avuto una ricaduta quest'estate e piano piano sto riacquistando (tra alti e bassi) il mio equilibrio.

    Stai tranquilla :slightly_smiling_face:

    La stessa cosa è successa a me, sono stata in terapia per un anno e prendo anche una dose minima di farmaci. Questa estate sono stata benissimo, ho avuto altri problemi ma non pensavo a queste cose mentre ora sono tornate dal nulla ed è bruttissimo perché non riesco a vivere ciò che faccio. Comunque possimao dire che è normale avere impulsi o fissarsi sempre su una cosa? La mia mente crea film assurdi del tipo "ora mi avvicino, ora dovrei fare così" trecento pensieri uno dietro l’altro, con la fissazione di immaginarmi le persone come sarebbero nude, specialmente le ragazze. Pensieri assurdi senza senso che mi gettano in un loop senza fine, Spero di riprendermi nuovamente perché da quanto mi pare la problematica va molto a periodi...

  • Certo che è normale fissarsi su pensieri assurdi, ci fissiamo proprio perché rappresentano l'esatto contrario della nostra natura e di ciò che desideriamo per noi stesse. È il meccanismo della paura che, quando diventa ossessiva, genera ansia patologica. Si tratta di una parte di noi stesse estremamente irrazionale/rigida/paurosa/giudicante e del tutto disfunzionale. Tutti hanno questa parte, solo che in noi - in alcuni periodi - si mette a urlare perché le diamo troppo spazio e non abbiamo abbastanza lucidità/forza per neutralizzarla ignorandola. Così inizia l'accumulo di pensieri disfunzionali ("oh mio Dio, e adesso come faccio? E se stavolta non ne uscissi più? Nooo, ricominceranno le giornate d'ansia e malumore! Come stavo bene un anno fa, invidio la me stessa di qualche mese fa! E ora invece! Ecc ecc) che sono poi il motivo principale del peggioramento. Un conto è fronteggiare un pensiero d'ansia, un altro è ignorare un temporale. Eppure è possibile farlo, occorre non mettersi pressione, non darsi un tempo di scadenza, non fare paragoni. Occorre accettare quotidianamente, con pazienza, la propria condizione attuale e a poco a poco si migliorerà. Io ci sto provando e sto cercando di accettare anche le occasionali ricadute (come quella di oggi). :S

  • Certo che è normale fissarsi su pensieri assurdi, ci fissiamo proprio perché rappresentano l'esatto contrario della nostra natura e di ciò che desideriamo per noi stesse. È il meccanismo della paura che, quando diventa ossessiva, genera ansia patologica. Si tratta di una parte di noi stesse estremamente irrazionale/rigida/paurosa/giudicante e del tutto disfunzionale. Tutti hanno questa parte, solo che in noi - in alcuni periodi - si mette a urlare perché le diamo troppo spazio e non abbiamo abbastanza lucidità/forza per neutralizzarla ignorandola. Così inizia l'accumulo di pensieri disfunzionali ("oh mio Dio, e adesso come faccio? E se stavolta non ne uscissi più? Nooo, ricominceranno le giornate d'ansia e malumore! Come stavo bene un anno fa, invidio la me stessa di qualche mese fa! E ora invece! Ecc ecc) che sono poi il motivo principale del peggioramento. Un conto è fronteggiare un pensiero d'ansia, un altro è ignorare un temporale. Eppure è possibile farlo, occorre non mettersi pressione, non darsi un tempo di scadenza, non fare paragoni. Occorre accettare quotidianamente, con pazienza, la propria condizione attuale e a poco a poco si migliorerà. Io ci sto provando e sto cercando di accettare anche le occasionali ricadute (come quella di oggi). :S

    Sì, è proprio così. Il peggio è che ti lasciano sempre un'angoscia assurda addosso, pensi ad una cosa e subito iniziano questi pensieri. Prima mia sorella stava facendo la doccia e subito sono partiti i pensieri intrusivi, che alla fine ti conducono ad evitare i contatti con tutte le persone verso le quali provi queste fantasie, mentre la tua mente ti dice "in realtà vuoi farlo, fallo". E' vero, bisogna accettare le ricadute ed aspettare che l'ansia diminuisca sempre di più.

  • Lo so, tutto dipende da una trappola grottesca della mente. Le ricadute sono toste perché dopo averlo superato una volta per un lungo periodo, ci si convince di avere la situazione in mano. E invece può sfuggirci di nuovo. Può capitare. Dobbiamo accettarlo e non farne un dramma, per quanto complicato sia. I meccanismi sono sempre i medesimi. Dobbiamo avere pazienza con noi stessi :S

Participate now!

Don’t have an account yet? Register yourself now and be a part of our community!

Hot Threads

    1. Topic
    2. Replies
    3. Last Reply
    1. Si tratta di bipolarismo? 8

      • Hermione_granger
    2. Replies
      8
      Views
      378
      8
    3. repcar

    1. Nuova psicologa? 1

      • Eva85
    2. Replies
      1
      Views
      192
      1
    3. Non lo so

    1. Sindrome premestruale e pensieri negativi 9

      • Marasma
    2. Replies
      9
      Views
      464
      9
    3. Marasma

    1. Ricominciare dopo una malattia 8

      • lariacherespiro
    2. Replies
      8
      Views
      193
      8
    3. ipposam

    1. Come spiegare ansia e depressione a chi ti sta accanto? 18

      • Confusa16
    2. Replies
      18
      Views
      1.6k
      18
    3. Vivip13

    1. Il pensiero ossessivo 2

      • BlueFox
    2. Replies
      2
      Views
      252
      2
    3. Bilbo