Ansia somatizzata, disturbi fisici e ipocondria

  • Ciao a tutti! Sono nuova qui! Ho iniziato a soffrire di ansia/attacchi di panico ad ottobre, dopo la nascita di mio figlio. Da lì, ho avuto tre attacchi di panico veri e propri, ma da allora ho ansia tutti i giorni, con sintomi vari: peso al petto, fitte al petto, a volte mal di testa, mal di schiena, formicolii vari in più punti (testa, braccia e gambe) e senso di orecchie ovattate. Mi passa un sintomo e me ne viene un altro.


    Sono in cura da una psicologa, prendo fiori di Bach e compresse di Pineal e al bisogno valeriana. Ovviamente sono diventata ipocondriaca. Mi fisso tantissimo sui piccoli dolori che ho e temo l'infarto come una matta. Andrei tutti i giorni in PS. Ho fatto un ECG e RX torace a ottobre, esami del sangue e un ECG in farmacia a dicembre, prima di Natale.


    Ah, dimenticavo: ho 26 anni e sono stanca di stare così.

    Ciao! Hai perfettamente ragione nel sentirti stanca... ti capisco.

    Probabilmente il parto, con tutto ciò che comporta a livello fisico e psicologico, ti ha scatenato quest'ansia di un certo livello: non sei la prima che sento iniziare questi disturbi dopo il parto.

    Ottimo il fatto che hai iniziato una terapia! Io sono un po' scettica riguardo i rimedi naturali ma solo perchè su di me non hanno sortito alcun effetto... Se un medico te li prescrivesse, saresti disposta (compatibilmente con l'eventuale allattamento) ad assumere farmaci veri e propri per "ristabilire un equilibrio"?

  • Ciao MissPanico3! Non sono molto informata sull'argomento, nel senso che le due psicologhe che ho avuto hanno un modo di lavorare completamente diverso. La prima, dopo solo un'ora di seduta, voleva prescrivermi antidepressivi per 6 mesi in abbinata a Xanax, 10 gocce al bisogno. Mentre la mia attuale psicologa opera con la Terapia Cognitivo Comportamentale. Ad oggi, dopo 3 sedute, la mia situazione è altalenante: ci sono momenti in cui sto bene, come oggi, e momenti in cui mi sento giù di corda, come ieri. Prenderei farmaci (considerata la mia poca conoscenza in materia) solo se riuscissi a capire che, in fondo, tutto parte dalla mia testa.


    Non ho più attacchi di panico, ma ora il problema è l'ipocondria: ogni volta che avverto un minimo dolorino, penso subito all'infarto. La mia psicologa mi dice che quando mi accorgo di perdermi troppo nei miei pensieri dovrei uscire, ma ovviamente ho un bambino di quasi sei mesi e non posso SEMPRE farlo. Ad oggi ho comunque affinato delle tecniche per distrarmi, ma vorrei capire se abbinare un farmaco potrebbe aiutarmi maggiormente.


    Tu ne sai qualcosa? Grazie mille! :red_heart:


    P.S. Prima di Natale, molto spaventata, sono andata al pronto soccorso. Un'infermiera, senza neanche visitarmi (perché ovviamente quando soffri di questo problema quasi ti ridono in faccia), mi ha consigliato di iniziare a prendere Citalopram.

  • Ad oggi, dopo 3 sedute, la mia situazione è altalenante: ci sono momenti in cui sto bene, come oggi, e momenti in cui mi sento giù di corda, come ieri. Prenderei farmaci (considerata la mia poca conoscenza in materia) solo se riuscissi a capire che, in fondo, tutto parte dalla mia testa.

    Non sono un'intenditrice, ma 3 sedute sono veramente poche... La terapia cognitivo-comportamentale solitamente richiede tempi decisamente più lunghi, quindi ci sta che ad oggi tu non abbia "risolto" granché.

    Concordo con te che, prima di iniziare una terapia farmacologica, sarebbe opportuno capire se ce n'è un reale bisogno. Se l'attuale psicologa è effettivamente una psicologa, non so se possa consigliarti di sentire un medico... magari puoi chiedere al tuo medico di fiducia.

  • Non ho più attacchi di panico, ma ora il problema è l'ipocondria: ogni volta che avverto un minimo dolorino, penso subito all'infarto. La mia psicologa mi dice che quando mi accorgo di perdermi troppo nei miei pensieri dovrei uscire, ma ovviamente ho un bambino di quasi sei mesi e non posso SEMPRE farlo.

    Lungi da me demoralizzarti, ma gli attacchi di panico possono ripresentarsi "dal nulla": spesso, così come vengono, vanno (e viceversa). Proprio per questo è utile la terapia, perchè ti permette di capire cosa li ha scatenati e ti dà modo di lavorare su quello.

    L'ipocondria credo sia una conseguenza degli attacchi... Io, dopo il primo attacco, c'ho messo quasi un anno a convincermi di non avere nulla al cuore (ovviamente ho fatto visite su visite ed esami su esami, assolutamente convinta che il mio malessere avesse cause organiche): quando ho capito che il problema era "solo" l'ansia, mi sono rivolta ad una psicologa. Penso sia assolutamente normale il fatto che tu "dia troppo peso" a piccoli sintomi... del resto la sensazione che dà un attacco di panico è quella di morire, per cui è più che comprensibile che tu ora sia alla costante ricerca di sintomi e patologie! Ma vedrai che, piano piano, imparerai a riconoscere i sintomi del tuo corpo e a collocarli nel posto giusto (saprai distinguere quando si tratta di somatizzazioni e quando, invece, avrai reali problemi fisici).

    Non sono madre, quindi posso solo immaginare quanto un bimbo di 6 mesi risucchi ogni tua energia e richieda attenzioni/tempo... però fai bene a cercare di arginare il problema da subito (anche per il bene di tuo figlio, a cui rischi di trasmettere le tue preoccupazioni).

  • Tu ne sai qualcosa? Grazie mille! :red_heart:


    P.S. Prima di Natale, molto spaventata, sono andata al pronto soccorso. Un'infermiera, senza neanche visitarmi (perché ovviamente quando soffri di questo problema quasi ti ridono in faccia), mi ha consigliato di iniziare a prendere CitCitalopram.

    Non conosco questo farmaco, mi spiace. Però conosco l'atteggiamento di certe persone. X/ Tu lasciale perdere: concentrati su di te e sul tuo bimbo! Prenditi cura di te, in questo momento così delicato della tua vita; e, se sarà necessario abbinare alla psicoterapia dei farmaci temporanei, provali sempre sottocontrollo medico, in serenità (parere personale ed opinabile: se possono esserti d'aiuto per affrontare un momento difficile, perchè rifiutarli? Però sii consapevole che normalmente curano solo i sintomi e non le cause. Possono essere - appunto - un qualcosa in più, una sorta di stampella nel momento del bisogno).

    Un grande in bocca al lupo! <3

  • Oggi è il linfonodo, domani un neo, poi un battito fuori posto... Per non cadere nel tunnel dell'ipocondria bisogna tentare di distrarsi, di rendersi conto che sono solo pensieri che ci distruggono. Ma i pensieri non sono reali, sono frutto della nostra testa e non sono tangibili. Sono come nuvoloni che vanno e vengono, ma non sono il cielo (lo so, ti sembra stupido, ma prova ad immaginarti così: tu sotto un cielo pieno di nuvoloni neri che sono i brutti pensieri. Però tu sei sempre viva e vegeta, e i nuvoloni si spostano, ma tu stai lì e non succede nulla).


    Fatti aiutare da un terapeuta, impara a pensare "questa è solo una stupidata, ho cose più interessanti da fare". Insomma, trova il tuo stratagemma personale. Fai attività fisica quando hai dei momenti down... Ti abbraccio...

    Esatto.. come se fossi ferma sotto ad un nuvolone.. non c’è più il sole, mi sento proprio così.

    Ho provato a combattere questa paura perché so che se inizi con un controllo, poi diventa un continuo ma stavolta proprio non ce la faccio. Mi sto anche massacrando la cervicale e i muscoli del collo per la tensione che ho perennemente! A volte mi fa male anche aprire la bocca!

  • Esatto.. come se fossi ferma sotto ad un nuvolone.. non c’è più il sole, mi sento proprio così.

    Ho provato a combattere questa paura perché so che se inizi con un controllo, poi diventa un continuo ma stavolta proprio non ce la faccio. Mi sto anche massacrando la cervicale e i muscoli del collo per la tensione che ho perennemente! A volte mi fa male anche aprire la bocca!

    Ciao, anche io sono nella vostra situazione. Ho iniziato a fare yoga a giorni alterni per il rilassamento muscolare.

Participate now!

Don’t have an account yet? Register yourself now and be a part of our community!

Hot Threads

    1. Topic
    2. Replies
    3. Last Reply
    1. Ho paura di morire senza aver speso i miei soldi, cosa fare? 19

      • diabolik2009
    2. Replies
      19
      Views
      446
      19
    3. zizifo

    1. La sorte delle persone disabili 70

      • Lu_Ca
    2. Replies
      70
      Views
      2k
      70
    3. Lu_Ca

    1. E' possibile restare incinte saltando una pillola anticoncezionale? 7

      • Ragazzaanonima
    2. Replies
      7
      Views
      257
      7
    3. MyDarkSoul

    1. Stress stagionale 16

      • ipposam
    2. Replies
      16
      Views
      495
      16
    3. nuovaalba

    1. La paura sul lavoro mi paralizza e sono terrorizzato 123

      • Paura@@@
    2. Replies
      123
      Views
      4.3k
      123
    3. MissPanico3

    1. Non trovare pace in casa propria 2

      • layton
    2. Replies
      2
      Views
      143
      2
    3. mayra