Dubbi, indecisione e consigli su Università e lavoro

  • Voi pensate che siccome io in passato ho già provato, per diverse volte, a lavorare coi miei e non è andata, questo significa che non andrà bene neanche in futuro? Lo chiedo perché sono in uno stupido vicolo cieco dal quale non vedo uscita. Nessuna. Se non vivere alla giornata facendomi campare dai miei. Che per me, non è un'opzione percorribile.


    E la mia psicologa mi dice appunto che siccome non è andata bene in passato (il lavoro coi miei), non andrà bene neanche in futuro. Io non vedo una via di uscita. Vedo tutto nero e non vedo il senso di niente. È tutto un paradosso.

  • Voi pensate che siccome io in passato ho già provato, per diverse volte, a lavorare coi miei e non è andata, questo significa che non andrà bene neanche in futuro? Lo chiedo perché sono in uno stupido vicolo cieco dal quale non vedo uscita. Nessuna. Se non vivere alla giornata facendomi campare dai miei. Che per me, non è un'opzione percorribile.


    E la mia psicologa mi dice appunto che siccome non è andata bene in passato (il lavoro coi miei), non andrà bene neanche in futuro. Io non vedo una via di uscita. Vedo tutto nero e non vedo il senso di niente. È tutto un paradosso.

    Cosa non è andato bene in passato? Quali erano i problemi sul piano lavorativo tra voi?

  • Zaraki, grazie per la risposta... Non è andato bene il fatto che io non prendessi il lavoro come un lavoro; infatti, mi assentavo/uscivo prima, ecc. Molte volte c'erano però anche attriti coi miei familiari, che mi facevano saltare. Inoltre, credo di essere portata anche per altre attività, e non so se questo sia la causa del fatto che prendessi questo lavoro sotto gamba. Poi, mettici il fatto che non mi sentivo efficiente come il resto della mia famiglia... Non so se non fosse proprio l'ambiente adatto per me, ma col senno di poi, adesso che non ho un lavoro, lo farei quel lavoro.

  • Tra l'altro... Mi si dice (in generale, da familiari/psicologa): "Fai quello che ti piace!" Risposta mia: "Faccio l'Accademia..." - silenzio tombale (aka nessuno mi dà i soldi per farla). Conseguentemente a ciò, trovo altre alternative, che non vanno bene ugualmente... puntualmente.

    L'unica soluzione è impazzire.

  • Perché mi annoio a studiare le cose che mi piace fare? Tipo disegnare: ho seguito un corso di pittura ma dopo poche lezioni ho lasciato perché mi annoiavo. Idem per la scrittura: mi piace scrivere ma mi annoia studiare la letteratura (il che non lo vedo come un grande problema perché ad esempio ci sono facoltà che non prevedono molto studio della letteratura) o frequentare corsi di scrittura. La cosa che non capisco è quella del disegno. Di solito se uno è bravo in qualcosa significa che questo qualcosa gli/le piace. Nel mio caso non è così, perché?

  • Perche' probabilmente hai una sensibilita' neurologica troppo elevata, al punto tale che perfino le cose che ti piacciono ti causano una sovrastimolazione che ti stressa. I corsi poi magari ti annoiano perche' ti piace fare di testa tua e non sopporti dover seguire dei percorsi prestabiliti, con tempi prestabiliti. Magari hai anche una tendenza a distrarti facilmente, percio' non riesci a mantenere la concentrazione a lungo su una cosa sola.

  • Perche' probabilmente hai una sensibilita' neurologica troppo elevata, al punto tale che perfino le cose che ti piacciono ti causano una sovrastimolazione che ti stressa. I corsi poi magari ti annoiano perche' ti piace fare di testa tua e non sopporti dover seguire dei percorsi prestabiliti, con tempi prestabiliti. Magari hai anche una tendenza a distrarti facilmente, percio' non riesci a mantenere la concentrazione a lungo su una cosa sola.

    Ciao grazie per la risposta... Che intendi per sensibilità neurologica elevata? Altri tipi di cose ad esempio non mi annoiano... Molti corsi sono riuscita a seguirli e a portarli a termine.. ora vorrei magari intraprendere un percorso nell'arte ma studiarla mi annoia. Molti mi dicono che dovrei farlo (perché sono portata) e da una parte gli do ragione, e vorrei farlo, dall'altra mi frena questa cosa.

  • Di nuovo qui... Vorrei fare un riassunto. Allora: mi piace scrivere, disegnare, l'inglese e la filosofia. Queste cose in egual misura. Ci ho aggiunto pure il marketing digitale, oltre alle scienze (fisica). Adesso lavoro in un bar. Che faccio? Cioè fra queste cose cosa scelgo? Vorrei tenere il lavoro al bar per fare qualcosa tipo prendere una laurea o fare un corso, ma non so in quale di queste discipline. Non so se ne esco. Se mi date un'idea, del tipo voi che scegliereste e perché...

Participate now!

Don’t have an account yet? Register yourself now and be a part of our community!

Hot Threads

    1. Topic
    2. Replies
    3. Last Reply
    1. In ansia per la discussione della Tesi 6

      • sempretriste_
    2. Replies
      6
      Views
      136
      6
    3. Proxima Centauri

    1. Vale la pena a 35 anni prendere una laurea? 27

      • BadMind
    2. Replies
      27
      Views
      1.9k
      27
    3. Scacciapensieri82

    1. Avete mai vissuto episodi gravi di bullismo? 68

      • Lu_Ca
    2. Replies
      68
      Views
      3.5k
      68
    3. Lu_Ca

    1. Consigli miglioramento metodo di studio universitario 31

      • clarity9
    2. Replies
      31
      Views
      1.6k
      31
    3. clarity9

    1. Cosa ne pensate delle lauree telematiche? 14

      • Gudrun
    2. Replies
      14
      Views
      1.9k
      14
    3. Zaraki

    1. Dubbi, indecisione e consigli su Università e lavoro 209

      • Diana1492
    2. Replies
      209
      Views
      8.5k
      209
    3. Diana1492