Esiste l'amore a prima vista o colpo di fulmine?

  • Conosco alcune coppie che si sono formate a partire da un approccio di uno dei due in libreria, sul treno...

    Coppie durature, in alcuni casi sono sposati con figli.

    Voi avete esperienze in merito dirette o indirette? Ci credete? Cosa ne pensate?

    Il colpo di fulmine è la stessa cosa?


    Io penso che si tratta in molti casi di attrazione fisica molto forte. Ma il confine tra amore (passionale, comunemente inteso) e attrazione secondo me è molto labile, per cui direi non solo che a modo mio ci credo, ma credo anche che, quando l'attrazione funziona pure oltre il primo incontro, possa dare vita a delle storie d'amore particolarmente intense.

  • DaliaBlu

    Changed the title of the thread from “Esiste l'amore a prima vista?” to “Esiste l'amore a prima vista o colpo di fulmine?”.
  • Nel mio caso tutte le mie relazioni sono iniziate così...cioè ho saputo dal primo istante in cui ho visto la persona che avrei avuto una relazione con lei, non credo sia solo un fatto di attrazione però, cioè per me è sempre stato qualcosa di più, mi viene un termine tecnico...io ho sentito una risonanza.

    Ho conosciuto mio marito sul lavoro, una quindicina di anni fa; eravamo entrambi coinvolti in un meeting con molte altre persone, a malapena ci scambiammo i biglietti da visita, ma ricordo di aver pensato che se mai mi fossi sposata (in quel periodo avevo appena rifiutato una proposta) avrei voluto uno come lui, con quello sguardo, quel modo di fare, quel modo di ridere, di porsi...e da quel giorno non ho pensato ad altri che a lui...per mesi non ho avuto occasione di rivederlo o sentirlo e successivamente durante altri incontri casuali per me era come se fossimo soli, anche in mezzo a decine di persone. Mi capitava che entrando lui in una stanza e senza che lo vedessi ne sentissi la presenza...e la mia testa partiva. Ma non sapevo davvero nulla di lui, eppure speravo sempre di avere occasione di rivederlo.

    Smisi di uscire con altri perché nessuno mi dava le emozioni che mi dava lui anche solo entrando in un ufficio...mi convinsi di dover aspettare o di conoscere lui (che era un perfetto sconosciuto di cui conservavo il biglietto da visita come una reliquia) o uno che mi emozionasse altrettanto. E non capitava.

    Poi le circostanze ci hanno favorito...le nostre strade lavorative si sono incrociate, e in breve accadde tutto quello che pensavo da ormai più di un anno...da quella volta che lo vidi e mi lasciò un'emozione indelebile nell'anima, vai a capire perchè. Ancora oggi dopo 15 anni non lo so dire.

  • Mi sono capitate entrambe le cose. Col mio unico grande amore è stato colpo di fulmine alla classica grigliata di Pasquetta. Con mio marito c'è stato un corteggiamento serrato di un anno e mezzo da parte mia. Ma non me ne sono innamorata subito, solo che vedevo la sua indifferenza e dissi alla mia amica del cuore di allora: "Ne faccio un motivo di vanto. Lui o niente". Lui.

    Non sopporto più le persone che mi annoiano anche pochissimo

    e mi fanno perdere anche un solo secondo di vita.

    (Goffredo Parise)

  • Ritengo che il cosiddetto "amore a prima vista" sia una rielaborazione a posteriori relativamente romanzata del primo approccio di una relazione che ha funzionato o che comunque sia in qualche modo durata nel tempo. Quando si viene colpiti da una persona, e si prova una forte infatuazione verso qualcuno, nella nostra mente avviene un procedimento di attribuzione nel potenziale partner di talune qualità, che in realtà non sappiamo se siano realmente possedute, che dovrebbe possedere tale persona per innamorarcene. Se gli attributi visivi dei partner potenziali (aspetto fisico, movenze, atteggiamenti) sono ritenuti abbastanza attraenti per instaurare una conoscenza e una futura relazione, si scopre che la persona verso la quale abbiamo proiettato tali nostre sensazioni possieda effettivamente alcune di quelle caratteristiche ideali o che almeno le divergenze dal modello ideale siano comunque compatibili con il progetto di coppia. Ciò avviene attraverso il reale approfondimento della relazione su basi più solide, di divisione delle responsabilità e della quotidianità, vere Forche Caudine di qualsiasi rapporto. Ma quando anche tale stadio viene superato, allora si può guardare indietro e dire che, con il senno di poi, la relazione della nostra vita fosse tale sin dall'inizio, e si attribuisce alla fase preliminare di interesse e infatuazioni un carattere quasi magico, di amore scritto nel firmamento, quando in realtà all'epoca era ancora tutto da dimostrare e da costruire. Caso diverso sono gli amori mai sbocciati per davvero e che hanno brillato solo nei fuochi di artificio iniziali: in tal caso l'etichetta postuma di "amore a prima vista" altro non è che una maschera del rimpianto che si prova nel presente.


    Per carità, le mie sono e rimangono supposizioni, non avendo mai provato finora alcun tipo di amore romantico, tantomeno quello "a prima vista" e chiedendomi se e quando arriverà.

    Nevrotico della porta accanto


    Moderatore della Chat di NienteAnsia

  • Per me l'attrazione fisica è una delle componenti, ma non l'unica. Se è solo quella, il tutto si risolve in breve tempo.

    Aveva la coscienza pulita. Mai usata.

  • Credo nel colpo di fulmine, ma la tua domanda mi risulta complicatissima.

    Mi spiego per quello che riesco.

    Con mio marito abbiamo sempre definito <colpo di fulmine> l'alchimia che scattò tra noi, da perfetti sconosciuti, in un piano bar.

    Non saprei assolutamente dirti se fosse solo attrazione fisica, ma non lo credo per tante ragioni.

    Secondo me c'era qualcosa che andava oltre, come per codici ancora non noti.

    Cosa certa è che nessuno di noi due fosse "in cerca" di nulla, e senza tanti svolazzi...corteggiatissimo era lui e altrettanto io.

    Fu davvero qualcosa "OLTRE" . Oltrissimo direi.

    Poi ci siamo anche sposati con tutto l'ardore del mondo, e dopo quattro anni di fidanzamento, di essere "noi per sempre".


    Però...questo NON ha fatto un matrimonio felice, anzi... :|


    Quindi, secondo me qui ed ora, il colpo di fulmine esiste eccome...non dipende solo dall'attrazione fisica...crea un legame che a suo modo è unico.......... eppure...non garantisce nulla... ?(

    Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

  • ipposam: ma che storia meravigliosa :smiling_face_with_heart_eyes: :smiling_face_with_hearts: !

    In generale la penso anch'io come gloriasinegloria. Per esistere può esistere, anche se non credo sia frequentissimo, ma secondo me non è solo attrazione fisica. Come dice La mente mente, è che in quella persona ti sembra magicamente incarnato tutto quello che più ti attira in un partner.

    A volte dura una vita, a volte qualche mese. Ma in fondo anche rapporti nati in maniera molto più graduale poi si esauriscono e amen.

    Personalmente un vero e proprio amore a prima vista non mi è mai capitato. Qualcosa di simile col mio ultimo ex, quello per cui mi sono separata e che poi mi ha velocemente scaricato :weary-face: . Ho sentito che lui mi piaceva moltissimo fin dal primo incontro, ma il primo incontro non è stato affatto casuale, prima ci siamo conosciuti online e quando siamo arrivati a incontrarci dal vivo è stato perchè sapevo che per alcune caratteristiche era l'uomo che avevo sempre desiderato. Peccato che la cosa non fosse reciproca, ma questo è un altro discorso... :face_with_rolling_eyes: .

    A parte lui, di solito sono piuttosto lenta a capire che uno mi piace, al di là della pura bellezza fisica, che ovviamente vedo subito, ma che è una cosa diversa dall'attrazione soggettiva che un uomo può suscitarmi o meno.

    Tutto quello che so, chiunque lo può sapere. Ma il mio cuore appartiene a me solo. J.W.Goethe

  • Spero di non ammorbare nessuno, due citazioni letterarie:


    Si è fatto tanto abuso dello sguardo, nei romanzi d’amore, che si è finito col sottovalutarlo. Adesso si osa appena dire che due esseri si sono amati perché si sono guardati. E tuttavia è proprio e solo così che si ama. Il resto non è che il resto, e vien dopo. Nulla è più reale di queste grandi scosse che due anime si trasmettono scambiandosi la scintilla. I miserabili, Victor Hugo


    Era amore a prima vista, a ultima vista, a eterna vista! Lolita, Vladimir Nabokov

  • Credo che la definizione di V. Hugo, riportata da Dalia, sia molto azzeccata.


    Certi incontri producono un effetto incredibile, istintivo, direi di certezza sull'alchimia con l'altra persona.

    Se si è entrambi liberi (o liberabili) da legami si possono formare coppie di lunga durata, anche se c'è la diceria in giro che siano più duraturi i matrimoni meno d'impeto ma ragionati.


    Se, invece, la scintilla scocca ma si è già impegnati, rimane un amore impossibile ... ma indimenticabile (come è successo a me).


    (------------- 8) -----------)

    Il più bello dei mari / è quello che non navigammo. / Il più bello dei nostri figli / non è ancora cresciuto. I più belli dei nostri giorni /non li abbiamo ancora vissuti. / E quello / che vorrei dirti di più bello / non te l’ho ancora detto.   Nazim Hikmet (1901-1963)

Participate now!

Don’t have an account yet? Register yourself now and be a part of our community!