attacchi di panico anche in casa

  • i farmaci devono dire che li ho stessi io da sola dopo pochi giorni, sia la paroxetina prima che lo zoloft poi, perché mi sentivo male, e non sono riuscita a continuarli.


    Non conosco l'Emdr e non so dirti nulla a riguardo.


    Paroxetina e sertralina (il principio attivo dello Zoloft) sono entrambi SSRI e ci mettono diverse settimane per iniziare a manifestare sia i benefici che gli effetti collaterali (soprattutto perché all'inizio vanno prescritti con un dosaggio basso). Il fatto che tu ti sentissi male dopo qualche pillola mi fa più pensare ad una qualche forma di suggestione da lettura del bugiardino piuttosto che a reali effetti collaterali.


    Ad ogni modo, tutti i farmaci e le terapie del mondo possono ben poco se da parte tua non c'è una forza di volontà nell'affrontare a viso aperto il panico. Cercando di evitarlo, peggiori solo la situazione.


    Per affrontare a viso aperto il panico però qualcuno... medico o psicoterapeuta che sia... dovrebbe spendere 1 oretta nello spiegarti cosa è il panico, da dove arriva, cosa può fare, cosa non può fare, cosa sono le sensazioni che senti etc etc... credo sia la base fondamentale...

  • io non è che lo evito, siccome sono anni che ne soffro ho sempre provato a fare comunque le cose pur avendo questi attacchi di panico, ho sempre provato a allontanarmi comunque da casa, il problema è che in questi ultimi 2 anni la situazione è molto peggiorata, se devo fare qualcosa che so comunque che mi creerà panico ormai faccio molta molta fatica ad affrontarla e desisto nell'intento...serve moltissima forza di volontà che ormai io non ho più perché sono esausta...non ho proprio più forze mentali, non so se riesco a rendere l'idea, sono stanchissima. So che mi serve un aiuto e infatti sto andando dalla psicologa però la situazione è sempre invariata...non so se sto peggio ma comunque non sto minimamente meglio, e non sono 2 sedute quelle che ho fatto ma molte di più anche se vedo la psicologa una volta ogni 15 giorni...

  • Ciao Meravigliosa92, la terapia cognitivo-comportamentale, come dicono altri è sicuramente la più adatta per te. Ma capisco benissimo che nella fase più acuta della malattia probabilmete una terapia farmacologica possa servire. Dici che hai smesso di tua spontanea volonta i farmaci, e questo è uno degli errori che spesso facciamo. Le cure vanno calibrate in base ai disturbi che si hanno. Negli attacchi di panico gli antidepressivi vanno inseriti molto gradualmente, proprio per non avere effetti paradossi. Mi ricordo benissimo che io ebbi uno dei miei pochi attacchi di panico proprio con l'inizio della cura con paroxetina. Ma 20 anni fa la si prescriveva a dose piena senza gradualità . Capirai che sconbusolamento a livello cerebrale. In ogni caso poi inpiegano dalle 2 alle 4 settimane a piena dose a far effetto. Quì bisogna avere la pazienza e la tenacia di aspettare e vedrai che i risultati arriveranno.

    eh lo so hai perfettamente ragione solo che ho talmente tanta paura di questi farmaci che sinceramente ora come ora non so se me la sentirei di riprovare...mi sento in un vicolo cieco senza una via d'uscita...io ho iniziato molto gradualmente la terapia, partendo da 3 gocce e aumentando ogni giorno di 2, ma arrivata a 7 gocce di paroxetina ho avuto fortissima nausea, poi panico aumentato soprattutto al mattino, forte ansia generalizzata, formicolio al labbro, sensazione di intorpidimento alle labbra, insomma mi sono sentita uno schifo e mi sono impanicata ulteriormente....a volte prendo il tranquillante per evitare di avere attacchi di panico alla guida ecc

  • se devo fare qualcosa che so comunque che mi creerà panico ormai faccio molta molta fatica ad affrontarla e desisto nell'intento...


    Oltre a pensare che ti creerà panico, hai mai provato a pensare che quel panico (ieri come oggi) non potrà arrecarti nient'altro che "brutte sensazioni" e che, per quanto terribili, queste "brutte sensazioni" saranno, nel peggiore dei casi, limitate a qualche decina di minuti ?


    Tu stessa lo sperimenti da anni. Milioni di persone al mondo lo sperimentano.


    Se, con i dovuti strumenti, affronti l'attacco di panico senza fuggire via è garantito che le prossime volte diverranno sempre più blandi e rari. A parte "parlare", la psicologica sta mettendo giù una road map di esposizione alle situazione temute ?


    Per come la vedo io dall'ansia e dal panico si esce (non mi piace usare il termine "si guarisce" perché non sono malattie ma semplici pensieri disfunzionali che vanno riabilitati) solo esponendosi ed imparando da tali esperienze...

  • Buonasera a tutti, non sono nuova nel forum, ho già scritto altre volte, questa volta credo sia quella in cui sto peggio. Ho sempre sofferto di attacchi di panico ma in questi ultimi 2 anni si sono riacutizzati in una maniera incredibile, ho terrore puro ad allontanarmi da casa anche se accompagnata, non riesco in casa a stare in una stanza da sola, la paura è talmente forte che a volte mi metto persino a urlare, sia in macchina che in casa. Sono ovviamente stata da uno psichiatra e ho provato 2 terapie farmacologiche con 2 antidepressivi, prima la paroxetina e poi lo zoloft ma con entrambi ho avuto un forte desiderio di tentare il suicidio , prima dei farmaci ogni tanto avevo pensieri di suicidio ma non in modo così forte come sotto farmaci, sono rimasta terrorizzata. Inutile dire che terrorizzata da questo e altri effetti collaterali brutti degli antidepressivi ho smesso la terapia, ora non prendo nulla però da sola non riesco a fare piu nulla, devo sempre essere accompagnata in ogni luogo, anche in bagno per fare un esempio, perché sola non riesco a starci, mi viene paura di compiere qualche gesto tipo bere del detersivo . Sto andando da un po da una psicologa ma non sto risolvendo nulla, sto facendo Emdr come tecnica, se qualcuno la conosce. Grazie a chi ha letto e vorrà rispondermi, degli psicofarmaci ho molta paura però non vedo una via d'uscita, ho anche un disturbo alimentare (anginofobia), ho diverse fobie tutte date sempre dal panico, insomma da 1 anno e mezzo diciamo a questa parte sto vivendo un inferno. Cosa posso fare?

    Ciao Meravigliosa92 mi dispiace tanto di questo momento che stai vivendo, ti mando un grande abbraccio perchè capisco molto bene quello che provi e so cosa vuol dire.


    Anche io negli ultimi anni ho visto una generalizzazione della mia ansia e panico, qualche disturbo col cibo, e il restringimento dell'orizzonte.

    Sembra quasi di non riuscire più ad immaginarci una via di uscita.


    Ultimamente tanti di noi, con la situazione iniziata l'anno scorso, siamo peggiorati, se prima potevamo consolarci dicendoci "non c'è niente che può farti male là fuori" ora la percezione è cambiata drasticamente. Chi aveva ansia ne ha di più, anche chi non era ipocondriaco lo è diventato.

    Questa claustrofobia generale anche se non la colleghiamo direttamente si riflette sulla nostra percezione e sul nostro livello di ansia.

    Stare più isolati ingigantisce le paure e al contrario il confronto con gli altri ci ridimensiona.


    Anche io come te sto avendo tanti attacchi di panico, anche in casa.

    Non ho mai preso farmaci per le tue stesse paure pur non avendoli mai provati.


    Il mio psicoterapeuta mi ha sconsigliato l'Emdr per il mio panico e ansia, anni fa ne ero uscita completamente grazie alla terapia strategico-sistemica che è simile alla comportamentale.

    Ho smesso infatti la psicoterapia psicodinamica e ripreso la strategico-sistemica/comportamentale.


    Tieni conto che di recente non riuscivo proprio ad uscire, ora mi sto sforzando di fare dei giri in macchina in compagnia e di scendere e vedere anche solo un panorama, sedersi su una panchina, e gradualmente come consiglia Allegria camminare un pochino più lontano dalla macchina o da casa.


    Non è facile, io mi porto dietro una merenda da fare e metto le onde binaurali beta e devo dire che mi aiutano molto, man mano prendi più confidenza. Consiglio anche l'olio essenziale di lavanda, sembra una banalità ma sentirne l'odore aiuta molto a calmarsi.


    Io ho deciso di andare in montagna in un centro dove aiutano anche per questi problemi (ansia, panico, depressione, prob.alimentari), sento che il senso di allarme è molto alto e vorrei ridimensionarlo e ho pensato che cambiare ambiente e fare una rieducazione dello stile di vita possa aiutarmi.


    Ti abbraccio

  • il fatto è che il panico alla guida non lo gestisco, nel senso che se perdo il controllo dell'auto penso che sia abbastanza pericoloso. La psicologa mi ha detto che sì piano piano dovrei provare a fare ciò di cui mi fa paura, lei mi fa rivivere mentalmente gli attacchi di panico che ho avuto, e nel mentre cerca di farmi rilassare, non mi sta servendo però, nel senso che rivivendo i momenti terribili di panico mi spavento ulteriormente... ?( ?( ?(

  • i farmaci devono dire che li ho stessi io da sola dopo pochi giorni, sia la paroxetina prima che lo zoloft poi, perché mi sentivo male

    secondo me adesso avresti bisogno di un appoggio farmacologico, gli effetti collaterali ci possono essere ma non conviene mollare tutto, meglio rivedere il dosaggio o al limite anche la molecola. Hai qualche pregiudizio nel prenderli?


    eh lo so hai perfettamente ragione solo che ho talmente tanta paura di questi farmaci che sinceramente ora come ora non so se me la sentirei di riprovare...mi sento in un vicolo cieco senza una via d'uscita...io ho iniziato molto gradualmente la terapia, partendo da 3 gocce e aumentando ogni giorno di 2, ma arrivata a 7 gocce di paroxetina ho avuto fortissima nausea, poi panico aumentato soprattutto al mattino, forte ansia generalizzata, formicolio al labbro, sensazione di intorpidimento alle labbra, insomma mi sono sentita uno schifo e mi sono impanicata ulteriormente....a volte prendo il tranquillante per evitare di avere attacchi di panico alla guida ecc

    scusa, non avevo letto questa risposta però rimango dell'idea che dovresti riprovare, poi bisogna vedere se queste reazioni fisiche sono effetti del farmaco o sono sempre una reazione psicologica perché ti fanno paura, non ti senti a tuo agio a prenderli ecc

    Edited once, last by boccaccio: Incorporato un post creato da boccaccio in questo post. ().

  • il fatto è che il panico alla guida non lo gestisco, nel senso che se perdo il controllo dell'auto penso che sia abbastanza pericoloso.


    In realtà no. Tu hai mai sentito di incidenti alla guida causati da un attacco di panico ? Io no. In realtà durante un attacco di panico i tuoi sensi sono iperattivi e viaggiano a mille e, per questo, è quasi impossibile causare un incidente (nonostante la paura di causarlo sia forte). Infatti quando rinnovi la patente ti chiedono se soffri di decine di patologie, ma tra queste non ci sono gli attacchi di panico ;)


    Però credo sia prematuro parlare di guida. In questo momento tu dovresti riappropriarti di spazi più semplici come la tua camera, casa tua ed il tuo vicinato. Da sola. A piedi.

  • secondo me adesso avresti bisogno di un appoggio farmacologico, gli effetti collaterali ci possono essere ma non conviene mollare tutto, meglio rivedere il dosaggio o al limite anche la molecola. Hai qualche pregiudizio nel prenderli?


    scusa, non avevo letto questa risposta però rimango dell'idea che dovresti riprovare, poi bisogna vedere se queste reazioni fisiche sono effetti del farmaco o sono sempre una reazione psicologica perché ti fanno paura, non ti senti a tuo agio a prenderli ecc

    si ho paura a prenderli come tutti gli psicofarmaci, diciamo che ho letto sul bugiardino che possono causare un iniziale peggioramento dello stato psichico, peggioramento dei pensieri suicidi ecc e quindi mi sale il panico logicamente. Però il panico che ho sentito sotto farmaco, al mattino, è molto diverso da quello che provo quando ho attacchi di panico ad allontanarmi da casa ecc, lo riconosco molto bene quindi non credo che siano mie suggestioni, credo proprio siano effetti degli antidepressivi, in particolare dello zoloft. Anche la nausea forte non è una mia suggestione, è causata dal farmaco, di questo comunque il medico mi aveva messo a conoscenza.

Participate now!

Don’t have an account yet? Register yourself now and be a part of our community!