Smettere di fumare.

  • Uno dei ragionamenti più stupidi che ho fatto negli ultimi tempi è stato quello di dire "smetterò di fumare quando lei si innamorerà di me".

    Premesso che allo stato attuale delle cose è più probabile che ciò non avvenga mai che il contrario, mi sono chiesto per quale ragione mettere nelle mani di un altra persona una questione così importante per la mia salute.
    Non ho smesso di fumare, e non mi sento in grado di dire di averlo deciso.
    Ma ho deciso di pensarci seriamente.

    Consapevole che smettere di fumare non è una cosa che va d'accordo con l'ansia e la depressione, ma consapevole che nessuno mi aiuterà se non me stesso.

    Voi fumate? Avete smesso? cosa ne pensate?

    Amare qualcuno significa rinunciare a cose a cui non avresti mai rinunciato, per fare cose che non avresti mai voluto fare.

  • Io fumavo sigarette , mai tantissimo, e ho smesso vedendo con che accanimento fumava la mia compagna.
    Mi ha fatto talmente impressione guardare lei (completamente schiava delle sigarette) che automaticamente ha iniziato a farmi schifo.

    Adesso fumo solo un toscanello alla settimana circa e poi ,quando ho smesso con le sigarette, ho voluto provare la pipa (tutt'ora la fumo, ma di rado).

  • Io fumo, mai pensato che fumare sia una prova di intelligenza, e se avessi vent'anni non inizierei a fumare.
    Però non ho mai interiorizzato nessuna vera ragione per smettere, assodato che - come diceva mia nonna - "ogni morte vuole una scusa, ma la morte è sicura per tutti".

    Ribadendo che IL FUMO FA MALE...penso che sono così tante le cose che fanno male che questa non mi preoccupa più di altre.

    Naturalmente è una dipendenza (possiamo anche aggiungere "schifida dipendenza") esecrabile come tutte le dipendenze.

    Però ce l'ho e sostanzialmente me la tengo senza drammi, anche pensando che non mi sarebbe di nessun sollievo ammalarmi e/o morire da non fumatrice, per altre cause che non m'hanno neanche mai dato nessun gusto e che prima o poi arriverebbero/arriveranno ugualmente... :)

    Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

  • Io alla fine sono giunto a un punto in cui la bilancia pende verso il non fumare.
    Mi è tornata una fastidiosa tosse da fumatore, ho sempre un brutto sapore in bocca, e spesso mentre fumo mi fa schifo la sigaretta.
    Nel mio caso adoro l'idea del fumare, ma poi all'atto pratico quando lo faccio sento un sapore cattivo, solo in alcune rare occasioni mi gusto davvero la sigaretta, magari dopo un gustoso liquore, o a volte dopo il caffè ma nemmeno sempre. Insomma, su 10 sigarette 9 mi fanno schifo. E dato che è pure un costo, e tra una cosa e l'altra ci stavo spendendo 10€ al giorno, ho pensato che quei 300€ posso investirlo in pranzi in ristorante, viaggi o qualsiasi altra cosa.
    Ma c'è poi un altro perchè.
    Io avevo smesso per tanti anni, ho ripreso ad aprile del 2019 nel bel mezzo di un periodo di ansia, angoscia e ossessione.
    Mi ero appena innamorato, e per me fu una sorta di shock, iniziai a fumare alla ricerca di qualcosa che calmasse quei momenti di angoscia.
    rispetto a quel periodo, grazie anche a farmaci e psicoterapia, l'angoscia si è placata parecchio, ma il vizio è rimasto.
    Poi negli ultimi tempi, quando mi sono avvicinato molto all'amante, ho pensato questa boiata, ovvero che avrei smesso quando lei si sarebbe innamorata di me.
    Ed è quel ragionamento che ora mi spinge a voler smettere. Non devo aspettare nè lei ne nessuno per prendere decisioni che riguardano esclusivamente la mia vita.
    Non fosse stato per quello, forse non avrei neanche pensato di smettere..

    Amare qualcuno significa rinunciare a cose a cui non avresti mai rinunciato, per fare cose che non avresti mai voluto fare.

  • Non devo aspettare nè lei ne nessuno per prendere decisioni che riguardano esclusivamente la mia vita.
    Non fosse stato per quello, forse non avrei neanche pensato di smettere..

    Questa mi sembra una bella sfida a te stesso, e direi che ne vale proprio la pena, ma che dovrebbe anche riuscirti abbastanza semplice se nove sigarette su dieci ti danno disgusto anzichè piacere.
    Una mia amica si è data un'altra regola: comportarsi come se lavorasse in un ufficio pubblico, e quindi non fumare mentre lavora.

    Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

  • (Ex fumatore)
    Credo tu abbia descritto bene le sensazioni legate al fumo, non si tratta di un vero piacere, ma del senso di sollievo mentale che si prova attenuando la tensione creata dalla sostanza da cui si è diventati dipendenti, in questo caso la nicotina. Assomiglia a un piacere ma è solo una dipendenza. Allen Carr lo paragonò brillantemente al "sollievo che si prova levandosi un paio di scarpe troppo strette", assomiglia a un piacere, ma non corrisponde a nessn reale bisogno.
    Come ogni fumatore ho mentito a me stesso per anni, dietro il paravento del "fumare mi piace", la realtà era che non riuscivo a smettere la fetida abitudine che segretamente odiavo, come segretamente la odiano tutti i fumatori ( chiedetevi quanti sono i fumatori di medio lungo corso che non hanno fatto il proposito di smettere una o più volte, pochissimi o nessuno tra quelli di mia conoscenza. E perché mai dovrebbero se fumare è così piacevole??) Comunque capisco me stesso e ogni altro fumatore nel tentativo di razionalizzare l'irrazionalizzabile; spendere migliaia di euro all'anno per mantenere una dipendenza che danneggia la salute già nell'immediato e aumenta grandemente il rischio di gravi malattie mortali necessita uno straccio di giustificazione, una piccola bugia detta magari in buona fede: "fumare mi piace".

  • Come ogni fumatore ho mentito a me stesso per anni, dietro il paravento del "fumare mi piace", la realtà era che non riuscivo a smettere la fetida abitudine che segretamente odiavo, come segretamente la odiano tutti i fumatori

    Secondo me la tua analisi è molto sottile e condivisibile. Ma non del tutto, e mi spiego.
    Anch'io, quando esagero, provo le sensazioni di nausea e anche rabbia verso me stessa che ha descritto Anonimo. VERISSIME, quindi, secondo me.
    Però ricordo anche benissimo il puro piacere di quando fumavo molto meno e la sigaretta era il qualcosina in più che aggiungeva piacere al piacere.
    Inoltre: tutte le violentissime campagne anti-fumo, comunque la si pensi, in qualche modo nevrotizzano anch'esse. Questo per dire che (secondo me) aumentano conflitti interiori anche in chi (e forse soprattutto in chi) fuma cinque sigarette al giorno che gli danno vero piacere, ma poi si sente scemo e odia se stesso nel terrore di poter morire per quelle...

    E come sempre, senza assolutamente volerti contrastare e solo nel tentativo di contemperare le tante osservazioni valide, penso che la vera conquista (valida in ogni campo) sia quella di puntare a quell' Equilibrio personale che consenta ad ognuno di noi di non aver paura di tutto e non privarsi di ogni forma di vitalità per sola paura, e al contempo di godersi piccoli o grandi piaceri nella consapevolezza che qualunque piacere, FIN QUANDO E' PIACERE, sicuramente rallegra l'attimo, e poi ha ottime probabilità di far bene alla salute globale.
    Io NON ho questo Equlibrio, ma lo invidio benevolmente e tanto nella mia amica (medico) che si è data la regola che ho detto sopra.

    P.s. : ho avuto conoscenti (donne) decedute per tumore ai polmoni. Erano TUTTE non fumatrici e il tumore ai polmoni era secondario (= metastasi di tumori all'apparato genitale e al seno in particolare). Tra l'altro mi è morta nello stesso modo anche la mia adorata cagnolina.
    Mi sono sempre chiesta quanto di super tossico inalino alcune categorie di lavoratori che non hanno mai fumato... Penso ai Vigili Urbani che dirigono il traffico nelle metropoli in cui le centraline dicono senza possibilità di dubbio che l'aria è IRRESPIRABILE. Ma molto più spesso mi capita (in questo caso per lavoro mio) di vedere con la morte nel cuore i tanti artigiani o operai che ti fanno una demolizione edile dentro a nuvole di polvere senza nessuna mascherina. Ma non è diverso per tutti i mestieri che richiedono impiego di "aromatici". E non è diverso neanche per i tipografi e chissà quante altre categorie di lavoratori che neanche sono io in grado di considerare.
    Allo stesso tempo mi è morto d'ifnarto fulminante,dopo un tuffo in piscina alle otto di mattina, un caro amico iper-salutista e mega tesserato di tutti gli sports possibili, che faceva due balls incommensurabili a sua moglie e a me...ogni volta che ci accendevamo una sigaretta...

    IL FUMO FA MALE! :thumbup:
    Ma, in sintesi, troverei molto più squilibrata la postura di chi (e sono tanti!!!) pare illudersi di conquistare l'immortalità se non fuma, piuttosto che la postura di chi riesce a dirsi un serenissimo "questo mi dà piacere e quindi lo scelgo. non è più pericoloso del solo respirare se non esagero stupidamente. quindi me lo prendo e non esagero."

    Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

  • Prime 24 ore senza sigarette passate abbastanza bene. Mi sto aiutando con una sigaretta elettronica poco potente, giusto per non staccarmi di netto dal vizio, ma già quella rispetto alle sigarette normali è molto meglio.
    Unico momento di "crisi" stasera, dopo aver fatto l'amore.
    Avevo una voglia di fumare incredibile, non avevo sigarette con me e ho pensato di andarle a comprare.
    Ho resistito e dopo sono andato a fare delle commissioni, con il tarlo di questa sigaretta.
    Rientrato a casa ho ceduto e ne ho acceso una, con piacere ho trovato il sapore abbastanza sgradevole. Ho fatto 3 tiri e l'ho spenta.
    Vedremo come andrà nei prossimi giorni.

    Amare qualcuno significa rinunciare a cose a cui non avresti mai rinunciato, per fare cose che non avresti mai voluto fare.

  • Avevo una voglia di fumare incredibile, non avevo sigarette con me e ho pensato di andarle a comprare.
    Ho resistito e dopo sono andato a fare delle commissioni, con il tarlo di questa sigaretta.
    Rientrato a casa ho ceduto e ne ho acceso una, con piacere ho trovato il sapore abbastanza sgradevole. Ho fatto 3 tiri e l'ho spenta.

    :thinking_face: o non ti è mai piaciuto fumare, oppure (e te lo auguro, anzi ...te lo invidio pure :blush: ) hai davvero interiorizzato in modo profondo il disvalore del fumo e/o il valore della sfida con te stesso. :hail:

    Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

  • Non fumo, non è adatto al bodybuilding lo sport che pratico, veramente non ho mai fumato. Se inzi a praticare uno sport che per "funzionare" prevede di adottare un determinato stile di vita, potrebbe passarti la voglia di fumare.

    No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it. Make your voice heard.

Participate now!

Don’t have an account yet? Register yourself now and be a part of our community!